Marted 29 Novembre 2022

Politica

Elezioni Politiche, in Abruzzo oltre 1,2 mln aventi diritto, 6.784 sono 18enni

25/09/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Elezioni Politiche, in Abruzzo oltre 1,2 mln aventi diritto, 6.784 sono 18enni

Più di 180mila gli abruzzesi nelle circoscrizioni estere

Sono 1.214.984 i cittadini abruzzesi, di cui 619.921 donne e 595.063 uomini, che hanno diritto di voto: 381.399 in provincia di Chieti, 288.026 in quella di Pescara, 274.448 (Teramo) e 271.111 (L'Aquila), che oggi si recheranno alle urne per eleggere i nuovi componenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

Le elezioni Politiche 2022 decreteranno il nuovo esecutivo successivo al Governo Draghi, che muterà anche nel numero di componenti: a causa della legge sul taglio dei parlamentari, il prossimo parlamento sarà formato da 400 deputati e 200 senatori. L'abruzzo eleggerà solo 13 parlamentari contro i 21 eletti nelle scorse elezioni Politiche. Nello specifico, alla Camera si passerà da 14 a 9 eletti, mentre al Senato da 7 a 4.

Sono 6.784 i diciottenni che oggi voteranno per la prima volta: 3.504 femmine e 3.280 maschi. Sono 181.090 92.769 gli abruzzesi che voteranno nelle circoscrizioni estere: 88.321 femmine e 92.769 maschi.

Alle precedenti elezioni politiche del 18 marzo 2018, in Abruzzo l'affluenza è stata del 75,2%, pari a 786.533 cittadini alle urne, più alta rispetto al resto d'Italia, del 72,9 % alla Camera e del 73,1% al Senato.

 

Ma come si vota? A chi andrà a votare saranno consegnate due schede: una rosa per la Camera, una gialla per il Senato. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. I modelli delle due schede sono identici: recano il nome del candidato nel collegio uninominale e, per il collegio plurinominale, il contrassegno di ciascuna lista o i contrassegni delle liste in coalizione a esso collegate. Accanto al contrassegno delle singole liste sono stampati i nominativi dei relativi candidati nel collegio plurinominale. Il voto si esprime tracciando un segno nello spazio contenente il contrassegno della lista prescelta e, in tale caso, è espresso sia per lista che per il candidato uninominale a essa collegato. Se è tracciato un segno sul nome del candidato uninominale il voto è espresso anche per la lista a esso collegata e, nel caso di più liste collegate, il voto è ripartito tra le liste della coalizione in proporzione ai voti ottenuti nel collegio.

Non è previsto il voto disgiunto. L'elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Testa, D’Incecco, Febbo, Angelosante, Santangelo “dalle opposizioni proposte roboanti e demagogiche che non hanno copertura economica”.

Fausto Memmo confermato segretario cittadino della Lega lancianese durante il congresso svoltosi ieri pomeriggio per rinnovare la segreteria cittadina.

Il modo più serio ed efficace per farsi ascoltare dal Governo non è chiedere l’adesione dei parlamentari del territorio a un cartello di sfida contro il ministro, ma coinvolgere i parlamentari di maggioranza, superando gli steccati ideologici

Decisi i vari ruoli e le strategie di comunicazione con la cittadinanza affinché tutte le azioni siano efficaci ed efficienti