Domenica 26 Maggio 2024

Politica

Lanciano, Graziella di Campli: assegnati oltre 3milioni e 200mila euro per l'ex De Giorgio

08/07/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, Graziella di Campli:  assegnati oltre 3milioni e 200mila euro per l'ex De Giorgio

Lo annuncia l'assessore all'urbanistica Prof.ssa Graziella Di Campli: Darà il via alle grandi opere che caratterizzeranno il Paolini TER e cambieranno il volto della Città.

I 3.236.963,49 per la realizzazione di un progetto di edilizia residenziale sociale per 35 appartamenti, nel complesso noto come Ex De Giorgio, ma che comprende anche Palazzo Lotti e gli Ex Funai, sono una realtà.

Lo comunica l'assessore comunale all'Urbanistica, Patrimonio e Politiche della casa, prof.ssa Graziella Di Campli in una nota nella quale annuncia "E’ di ieri la notifica all’Ente da parte della Regione Abruzzo – Dipartimento Opere Pubbliche – Governo del Territorio – Servizio di Edilizia Sociale, della determina di approvazione della nuova graduatoria che vede il Comune di Lanciano al primo posto, e destinatario della importante somma di 3.236.963,49, che unitamente al finanziamento già ottenuto per l’efficientamento energetico del Teatro Mazzini, del finanziamento PNRR del Torrieri, che a mio avviso certamente ci sarà, e di altri che sono in attesa di riscontro, darà il via alle grandi opere che caratterizzeranno il Paolini TER e cambieranno il volto della Città".

"L’Ex De Giorgio rientra in un progetto di rigenerazione urbana del Quartiere Civitanova e nasce come programma integrato di intervento, promosso dal Consorzio Abitare Abruzzo, che ha riscontrato l’avviso pubblico della Regione Abruzzo per la presentazione di manifestazione di interesse per l’attuazione di programmi integrati di edilizia residenziale sociale". Spiega l'assessore che ripercorre le complesse fasi che hanno portato a questo risultato.

"A seguito dell’avviso pubblico che prevedeva l’applicazione del decreto del MIT (Ministero Infrastrutture e Trasporti) adottato in attuazione della delibera CIPE n 127 2017 con cui si è proceduto alla ripartizione tra le Regioni delle risorse, con la quale si assegnava alla Regione Abruzzo 3.236.963,49 per l’individuazione di una sola proposta di intervento, sono state presentate 9 proposte da parte dei Comuni di Celano, Giulianova, Lanciano, Montesilvano, Ortona, Pescara, Roseto degli Abruzzo e n 2 del Comune di Teramo. A seguito di regolare istruttoria si approvava la graduatoria che vedeva al primo posto il Comune di Giulianova con soggetto proponente la Diocesi di Teramo – Atri.Con successivo decreto interministeriale del MEF e MIT è stato approvato l’elenco dei soggetti ammessi a finanziamento con al primo posto Giulianova. Al suddetto decreto è stata proposta impugnazione dinanzi al TAR Lazio da parte del Comune di Lanciano nella persona dell’Avv. Antonella Fantini, che ha chiesto e abilmente ottenuto l’annullamento del provvedimento. Il TAR Lazio con sentenza oggi passata in giudicato, e pertanto definitiva e irrevocabile, ha dichiarato l’illegittimità della determina dirigenziale, stabilendo la regressione del procedimento alla fase istruttoria, cosa che oggi è avvenuta in ossequio a quanto stabilito dal Giudice Amministrativo che ha ritenuto la Diocesi di Teramo Atri non legittimata alla presentazione del Progetto".

Grande soddisfazione viene espressa dal sindaco della città Filippo Paolini e dall'assessore Graziella Di Campli la quale annuncia che "a breve ci sarà un nuovo incontro con la parte privata con la quale è da tempo in corso un confronto per inserire nel progetto esecutivo esigenze come residence a servizio dei corsi musicali estivi, parcheggio interrato e altro".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Sono 32 i candidati della seconda civica a sostegno del Sindaco uscente

Il consigliere comunale di Azione interviene sulla vicenda della storica azienda di trasporto frentana, tra cambi al vertice e un bando per individuare un partner privato.

La consigliera di Lanciano in comune: “E’ un fatto che l’orientamento del presidente Marsilio è quello di vendere la società, come è un fatto che il presidente Amoroso abbia cercato di scoraggiare questa scelta."

Dichiarazione dei senatori abruzzese e molisano di Fratelli d’Italia, componenti della commissione Antimafia, Etelwardo Sigismondi e Costanzo Della Porta, nel giorno del 32esimo anniversario dell'attentato terroristico mafioso in cui fu ucciso il giudice Falcone