Mercoledì 28 Ottobre 2020

Politica

Coronavirus Abruzzo, Marsilio chiarisce: i fondi raccolti dalle donazioni sono stati impegnati e destinati

13/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus Abruzzo, Marsilio chiarisce: i fondi raccolti dalle donazioni sono stati impegnati e destinati

Il Presidente della Regione Abruzzo, in una nota, snocciola i numeri della solidarietà ricevuta per far fronte all'emergenza Covid e spiega come si sta muovendo la Regione nella gestione di tali risorse.

"La notizia diffusa da alcuni organi di stampa secondo la quale la Regione Abruzzo non starebbe utilizzando gli oltre 4 milioni di euro raccolti da donazioni per far fronte all’emergenza Covid non è corretta." Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio che chiarisce che i fondi disponibili sono per la maggior parte già impegnati e destinati. "In particolare: - dice il Governatore d'Abruzzo - dei circa 4.200.000 euro raccolti, ben 3 provengono dalla donazione della Banca d’Italia. Questo fondo è stato messo a disposizione per far partire l’appalto dell’Ospedale Covid di Pescara. La buona gestione economica dell’appalto e la scelta di procedere a una gara, seppur con procedure semplificate, ha generato un ribasso d’asta che sta trovando conferma nella chiusura della contabilità. Per tale ragione, si sono resi nuovamente disponibili poco meno di 2 milioni di euro sui 3 disponibili, che la Regione Abruzzo intende impegnare per far partire un 1° lotto funzionale del progetto della Centrale del 118 della ASL Avezzano Sulmona L’Aquila; siamo solo in attesa che la Regione Emilia-Romagna trasferisca i 2.100.000 euro promessi da molti anni per far partire la gara.- continua il Presidente della Regione Abruzzo - Sulla nuova destinazione di questi residui sono già stati consultati per le vie brevi i dirigenti di Banca d’Italia in attesa di acquisire il loro parere formale alla nuova definitiva destinazione. Dei restanti fondi, parte è stata impegnata per l’acquisto di mascherine FFP2 e attrezzature nella prima emergenza (circa 150.000 euro). Restano disponibili poco meno di 790.000 euro, che per ora restano a disposizione per almeno due opzioni: -la Regione Abruzzo ha anticipato per cassa 15 milioni di euro, che il Governo non ha ancora rimborsato, e per i quali da molte settimane sono in corso interlocuzioni con il Commissario Arcuri. Nel deprecabile caso che non venga rimborsata la totalità della spesa sostenuta in emergenza, quei fondi potrebbero compensare mancati rimborsi, evitando di produrre un debito fuori bilancio; -in alternativa, si stanno valutando soluzioni tecniche all’avanguardia per il controllo della temperatura nelle scuole e/o in altri luoghi fortemente frequentati. Una parziale copertura può essere rappresentata dai fondi residui. Occorre ricordare che l’emergenza è tuttora in corso fino almeno al 31.1.2021. I fondi già impegnati sono ancora accreditati sul conto corrente dedicato per una mera ragione di procedura contabile. I relativi versamenti, per le spese già effettuate, sono stati infatti erogati con l’anticipazione di cassa, e a breve si provvederà a compensarli. In conclusione, circa l’80% delle donazioni ricevute sono state già impiegate o destinate, non c’è nessuna dimenticanza né ritardo. Per non parlare dei fondi raccolti e impegnati direttamente dalle Aziende Sanitarie Locali. Sperando di ricevere presto dal Governo il rimborso delle spese anticipate in emergenza, che ci permetterà di impegnare anche quanto ancora disponibile, torniamo a ringraziare i donatori per la loro generosità, rassicurandoli che il loro gesto è stato prezioso, apprezzato e tempestivamente utilizzato per alleviare sofferenze e rafforzare le nostre difese". Conclud il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dopo la revoca di Mauro Febbo queste le decisioni prese dal governatore Marsilio che sacrifica anche Fioretti.

Il presidente della Regione Marsilio ha firmato l'ordinanza.

Il coordinatore regionale abruzzese e senatore di Forza Italia sottolinea di avere presentato un disegno di legge per l'istituzione di una Commissione parlamentare bicamerale che rappresenti gruppi parlamentari.

Castiglione: chiediamo che venga emanato un provvedimento regionale che non costringa noi sindaci a singole ordinanze.