Venerdì 22 Ottobre 2021

Politica

Convenzione con RFI per la stazione ferroviaria a Martinsicuro

26/02/2021 - Redazione AbruzzoinVideo

Le somme rimodulate dalla Giunta regionale, pari ad 1,3 Mln di euro quale quota parte della Regione per la realizzazione dell'infrastruttura, hanno permesso di dare finalmente luce alla tanto attesa infrastruttura secondo un cronoprogramma ben dettagliato con termine per collaudo e messa in esercizio previsto per la fine del 2023.

L'intervento prevede nello specifico la realizzazione della nuova fermata ferroviaria sulla linea ferroviaria Adriatica Bologna-Lecce al Km 297+500 e la sistemazione di opere civili ed impiantistiche, come un nuovo sottopasso pedonale collegante i due binari esistenti, idoneo per i non vedenti e per i soggetti a capacità motorie ridotte ovvero con scale/rampe ed ascensore. Il costo totale dell'intervento è pari a 2,6 mln di euro, compartecipato dai soggetti sottoscrittori della convenzione stessa, dove Rete Ferroviaria Italiana sarà Soggetto attuatore dell'opera. "Finalmente prende forma e si vedrà realizzato un importante investimento per il territorio di Martinsicuro, di rilevante importanza soprattutto in termini economico-turistici. In passato ricordiamo tutti come le vane e infondate promesse del centrosinistra regionale hanno illuso e disdegnato un territorio di importante rilevanza strategica per tutta la Val Vibrata come quello di Martinsicuro. Oggi, invece, finalmente con l'ufficiale sottoscrizione della convenzione e del cronoprogramma possiamo dire di essere riusciti a dare al territorio risposte concrete, per troppo tempo attese e mai ricevute". Lo ha dichiarato il Sottosegretario della Giunta Regionale con delega alle Infrastrutture e si trasporti, Umberto D'Annuntiis.

 (Regflash)

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Campitelli: non siamo appassionati di poltrone, a noi interessa costruire.

Francesco Taglieri, Consigliere regionale MS5, è il primo firmatario del progetto di legge, che è stato condiviso e firmato anche dal Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e dal Capogruppo di Forza Italia Mauro Febbo.

“Non abbiamo partecipato a nessun tavolo e non abbiamo in programma di farlo nel prossimo futuro. Inoltre ci chiediamo da chi siano ispirate le affermazioni di Fina"

Uno strumento utile per intervenire nella compensazione di eventuali impennate, a supporto delle imprese che oggi, dopo due anni dall’emergenza Covid-19, stanno iniziando a riprendere ossigeno riaprendo i cantieri, a partire con quelli del cratere sismic