Lunedì 15 Luglio 2024

Politica

ASSEMBLEA CONFINDUSTRIA CHIETI: "LA RIPRESA POSSIBILE" LE LEVE PER IL RILANCIO DELLA NOSTRA ECONOMIA 3_4

29/07/2013 - Redazione AbruzzoinVideo

Svoltasi con successo e grande partecipazione la consueta Assemblea annuale di Confindustria Chieti, lo scorso 26 luglio presso l'Hotel La Cascina a S. Vito Chietino, durante la quale i soci e i partecipanti tutti hanno potuto assistere ad interventi di ospiti di tutto rispetto e discutere insieme della ripresa possibile e doverosa della nostra economia.
Dopo l'intervento di apertura Assemblea, da parte del nostro Presidente, Paolo Primavera, apprezzato dalla platea per efficacia e concretezza, i saluti del Presidente di Confindustria Abruzzo, Mauro Angelucci e del Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, si è lasciato spazio alla discussione e ai singoli interventi dei relatori, con il prezioso aiuto del moderatore, Marco Ludovico, giornalista de Il Sole24ore .
Due sono state le tavole rotonde attorno alle quali alcuni dei nostri imprenditori (Graziano Marcovecchio, Silvio Di Lorenzo, Gennaro Zecca, Marina Cvetic, Luciano De Nardellis e Angelo De Cesare), rappresentanti i settori più importanti della nostra regione, prima, e quella dei politici e parti sociali (Giovanni Legnini, Raffaele Bonanni, Vincenzo Boccia), poi, hanno tenuto alta l'attenzione della platea.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“La decisione di tenere fuori la Lega dal governo cittadino di Montesilvano sarà oggetto di una profonda valutazione”. A sottolinearlo è il vice segretario regionale della Lega Abruzzo, Sabrina Bocchino.

Il Consiglio Provinciale dell’Aquila ha approvato il finanziamento di 1,9 milioni per la messa in sicurezza della tratta viaria denominata “San Leonardo”, ricompresa nel Comune di San Pio delle Camere.

Nell’assemblea di oggi la candidatura di Paolini è stata ritirata perché è mancato il sostegno di una parte del centrodestra. Il coordinatore cittadino di Forza Italia lancia un messaggio chiaro agli alleati.

Alla Provincia di Chieti viene chiesto il maggiore sacrificio in Abruzzo con un taglio tra il precedente decreto e l’ultimo in tema di “contributo alla finanza pubblica” pari a 672.000 euro