Giovedì 29 Febbraio 2024

Economia

PESCARA: NUMERI IMPORTANTI NEL BILANCIO DUEMILAUNDICI DELLA GUARDIA DI FINANZA

06/03/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

6 marzo 2012. Sono state centoventotto le persone denunciate nel duemilaundici dalla Guardia di Finanza di Pescara per reati fiscali e la somma sottratta al fisco lo scorso anno è stata di circa centottanta milioni di euro. Le proposte di sequestro avanzate superano i quarantotto milioni di euro. Sono alcuni dei dati forniti dal Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Mauro Odorisio, nel corso della conferenza stampa convocata per tracciare il bilancio dell'attività del 2011. Sempre nel campo della lotta all'evasione, i ricavi non dichiarati ammontano a circa centocinquantasei milioni e l'evasione all'Iva è stata calcolata in circa ventuno milioni di euro. Per le evasioni più rilevanti, sono state avanzate trentuno proposte di sequestri cautelari per garantire il credito erariale in capo a beni mobili ed immobili per un valore di oltre quarantotto milioni e ottocento mila euro. Tra i casi emersi nell'ambito delle quattrocento attività ispettive sono stati accertati anche casi di evasione fiscale internazionale, con l'utilizzo di società estere scoperte in paradisi fiscali o zone franche. Nel bilancio del duemilaundici rientra anche, per quel che riguarda il sommerso d'azienda, la scoperta di ottanta evasori (68 totali e 12 paratotali), cioè soggetti che pur svolgendo attività economiche non hanno mai presentato dichiarazione dei redditi oppure hanno indicato ricavi inferiori al 50% di quelli effettivi, con un'evasione pari a centocinquanta milioni di euro di base imponibile in materia di imposte dirette,diciassette milioni di euro di Iva. In materia di lavoro e di sommerso l'azione delle Fiamme Gialle ha portato alla scoperta di ottantuno posizioni irregolari, con sessantotto lavoratori completamente in nero.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Giangiulli e Saraullo: "Tavolo di lavoro con tutti i soggetti interessati per adeguare la normativa urbanistica e puntare su servizi ed accoglienza"

L'Abruzzo prima Regione del Centro sud a firmare l’accordo con una dote più alta delle altre Regioni. L’annuncio della Meloni: «La Roma-Pescara di farà»

La presenza dell'amministratore delegato Carlos Tavares e di Jean Philippe Imparato, responsabile della Pro One Business Unit, sottolinea l'importanza strategica dello stabilimento, che mira a raddoppiare le vendite entro il 2030, in linea con il piano Dare Forward 2030 di Stellantis.

Esaminati progressi e prospettive del Polo che, con oltre 10 anni di attività e 130 imprese coinvolte, propone una revisione della Smart Specialisation Strategy per contribuire in modo significativo allo sviluppo regionale.