Marted 29 Novembre 2022

Economia

Lanciano, Rdm Ricambi tra le 800 aziende a più alto tasso di sviluppo in Italia selezionate dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza.

19/11/2022 - Redazione AbruzzoinVideo

L’azienda frentana, leader a livello europeo nella produzione e vendita di ricambi per minivetture, reduce dal successo ottenuto alla fiera Eicma di Milano, festeggia i suoi 15 anni anche con l’ingresso in questa classifica che premia le eccellenze dell’economia Italiana.

La Rdm Ricambi di Lanciano(Ch) entra tra le “magnifiche 800” aziende italiane selezionate, con criteri molto rigorosi, dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, nell’ambito dell’indagine volta ad individuare, a dare risalto e a premiare quelle aziende italiane che, nonostante la grave crisi economica in corso, sono riuscite a crescere e distinguersi come realtà in crescita e virtuosa, attraverso nuovi prodotti o servizi ma anche con esportazioni a livello mondiale, creando posti di lavoro e diventando di fatto motore della ripresa italiana.

L’ultimo studio, giunto alla 5 edizione, condotto da Itqf, denominato “I campioni della crescita”, indagine che premia le eccellenze dell’economia italiana, pone l’azienda con sede a Lanciano al 567esimo posto su 800 Pmi. “L’ingresso in questa classifica rappresenta un grande motivo di orgoglio per noi - spiega il general manager della Rdm Ricambi, Carmine Aimola, l’imprenditore frentano che insieme alla moglie, Romina Di Menno Di Bucchianico, ha creato nel 2007, con grande lungimiranza e determinazione, l’azienda divenuta leader europeo nel settore ricambi per minivetture.

“Un marchio di qualità che premia il nostro impegno e la tenacia che abbiamo avuto in questi anni e che senza dubbio ci spronerà a fare ancora meglio”. Non facile l’ingresso nella classifica, è infatti necessario mostrare un tasso di crescita media annua superiore al 11,3% nel triennio 2018 2021, avere raggiunto un fatturato minimo di 100mila euro nel 2018, aver raggiunto un fatturato minimo di 1,2 milioni nel 2021; essere aziende indipendenti con sede legale in Italia, essere cresciute prevalentemente in modo organico.

La ricerca dell’Istituto Tedesco Qualità e Finanza è stata realizzata partendo da una long list di 50mila aziende e redatta tramite ricerca in banche dati pubblicamente disponibili, dati aziendali online, analisi di gare e portali di comunicazione. In totale queste fonti di ricerca censiscono circa 8 milioni di imprese italiane. “Per la nostra azienda questo riconoscimento servirà ancor più da volano per veder crescere l’interesse di clienti, dare impulso al marketing aziendale e quindi acquisire nuovi contatti”. Spiega Carmine Aimola.

La Rdm festeggia i suoi 15 anni di attività dunque incassando grandi risultati e soddisfazioni e affermandosi leader nell’emergente mercato aftermarket. Reduce dal successo alla Fiera Eicma di Milano dove l’azienda, anche in questa edizione 2022, ha attratto nella sua area espositiva molti visitatori italiani ed internazionali, la cui attenzione è stata catturata dal mondo dei ricambi per minicar, ora può fregiarsi di essere anche nella classifica dell’Istituto Tedesco Qualità e Finanza. Intanto continua la mission dell’azienda nell’ampliare la vasta gamma di prodotti offrendo ai clienti soluzioni immediate e articoli sempre più all’avanguardia e competitivi. “Negli ultimi anni abbiamo voluto investire molto sull’E-commerce con grandi risultati ed una clientela sempre crescente. – dice l’imprenditore Carmine Aimola - Grazie al sito internet sempre aggiornato, con i prodotti e le relative caratteristiche, nonché il prezzario, illustrati in maniera chiara, tutti i possessori di minicar di ogni parte d’Europa, ma non solo, si rivolgono a noi e una volta diventati nostri clienti, trovandosi soddisfatti, continuano ad ordinare nella nostra azienda perché si instaura un rapporto di fiducia importante e gratificante che cercheremo sempre di non deludere.” La Rdm Ricambi inoltre è anche specializzata nella realizzazione e stampaggio di carrozzerie in abs, come paraurti, cofani motore, parafanghi, cover ed altro, nonché vanta attualmente la realizzazione di oltre 300 modelli in plastica con applicazione minicar.

Insomma un percorso virtuoso e sempre in crescita quello di questa azienda tutta abruzzese, partita da zero, ma che grazie alle giuste scelte imprenditoriali assunte da Carmine Aimola e Romina Di Menno di Bucchianico, una coppia affiatata, determinata e tenace, che con grande passione, affiancata da un team di persone di grande professionalità, sta traghettando questa realtà dell’automotive verso orizzonti sempre più stimolanti ed ambiziosi. Un modello per l’Abruzzo intero ma anche per ltalia, è per questo che l’Istituto Tedesco ha voluto scegliere la Rdm, perché si inserisce a pieno titolo nella classifica delle piccole imprese italiane “che trainano l’economia e contribuiscono, grazie al loro dinamismo, a fornire nuovi impulsi all’economia e alla società”. 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano RDM Ricambi

Potrebbero interessarti

Presieduto da Donato Di Campli, alla presenza di Alberto Paone in rappresentanza di Bper Banca e di Gabriele Tupone presidente del Collegio sindacale, si è riunito a Lanciano il Consiglio di Amministrazione di Lancianofiera che ha, di fatto, formalmente avviato il suo nuovo mandato.

Secondo l’elaborazione del CRESA - Centro Studi dell’Agenzia per lo Sviluppo della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia – sulla base dei dati prodotti da CERVED, società information provider e agenzia di rating, in Abruzzo nell’ambito delle imprese con 10 addetti e più sono 132 le manifatturiere e 98 edili che al primo semestre 2022 risultano poco o per nulla affidabili dal punto di vista creditizio e finanziario, cioè non mostrano la capacità di onorare gli impegni assunti.

Di questi, 1,75 sono previsti per l'Abruzzo, secondo le stime di Osservatorio Abruzzo, progetto di Fondazione Openpolis, Etipublica, Fondazione Hubruzzo, Gran Sasso Science Institute e StartingUp. Parte delle risorse arriva dal fondo complementare.

Nonostante i progressi è stato necessario procedere con la risoluzione consensuale dei rapporti con 245 lavoratori ed avviare la procedura di mobilità per altre 24 risorse.