Marted 21 Maggio 2024

Economia

GDF CHIETI: UN ANNO DI IMPORTANTI RISULTATI E UNA NUOVA SEDE

27/02/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

27 febbraio 2012. 'L'Attività svolta dalla Guardia di Finanza di Chieti, nell'anno 2011, è stata intensa ed ha consentito di raggiungere e superare gli obiettivi assegnati nei vari comparti operativi – inizia così la parte introduttiva del Comunicato divulgato oggi, in conferenza stampa, ai mezzi d'informazione per quanto riguarda il Consuntivo Operativo 2011 – con rilevanti risultati sia sul piano quantitativo, sia qualitativo. Contemporaneamente all'intensa attività – si legge ancora nella nota – si è riusciti a realizzare, a tempo di record, solo dieci mesi, la nuova sede di Chieti, che pone le Fiamme Gialle Teatine, all'avanguardia rispetto all'interno territorio nazionale, in quanto a infrastrutture. Nel ruolo di Polizia Finanziaria, a tutela delle entrate del bilancio dello stato, sono state dedicate le maggiori risorse, ovvero, alle verifiche in materia di imposte sui redditi e sui consumi, operando una serie di interventi nei confronti di una vasta platea di contribuenti'.

 

Sempre la Compagnia di Chieti della Guardia di Finanza ha ricostruito e accertato, in un anno di

 

indagini, una frode alle imposte sui redditi, all'Irap e all'Iva per l'imponibile pari a circa 7,5 milioni di euro. La frode è stata commessa da una società di Chieti che operava nel campo della vendita di autoveicoli nuovi ed usati, risultata evasore totale. I finanzieri anno ricostruito il reale volume d'affari conseguito dalla società mediante un minuzioso lavoro di ricomposizione della frammentaria documentazione contabile ed extra-contabile che hanno rinvenuto e grazie all'incrocio dei documenti acquisiti con i dati in possesso della Finanza. Il verbale di constatazione è stato inviato all'Agenzia delle Entrate i Chieti per il successivo recupero delle somme sottratte all'imposizione fiscale, come previsto dalla normativa di coordinamento tra gli Uffici dell'Amministrazione finanziaria. Il legale rappresentante della società è stato denunciato per reati tributari ovvero la violazione del D.Lgs. n. 74/2000. La Finanza, inoltre, ha inoltrato la proposta di sequestro preventivo dei beni mobili e immobili alla Procura della Repubblica di Chieti.

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

A ritirare il premio sono stati i fratelli Di Carlo, Umberto (Presidente) e Tonino, fondatori e proprietari di Tekneko, che hanno espresso grande soddisfazione per questo traguardo raggiunto.

Il patron Valerio Angelucci: “Orgogliosi e soddisfatti del lavoro che svolgiamo ogni giorno”

Pubblicato avviso per erogazione assegno natalità del valore di 2500 euro

Al centro dell'incontro proposte e dialogo per il futuro del settore