Giovedì 22 Febbraio 2024

Economia

Atessa: alla Honda 110.300 moto prodotte. Per il 2023 si prevedono 124.000 veicoli

27/03/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Atessa: alla Honda 110.300 moto prodotte. Per il 2023 si prevedono 124.000 veicoli

La soddisfazione del segretario Uilm Chieti Pescara Nicola Manzi anche per i risvolti occupazionali: "Con la Honda Italia abbiamo siglato un accordo con 110 assunzioni a tempo indeterminato

L’anno fiscale giapponese per Honda Italia, l’unico stabilimento della casa motoristica nipponica in Europa, si chiude con 110.300 moto prodotte. E per il 2023 si prevedono già 124.000 veicoli. Si è appena concluso l’incontro della direzione aziendale Honda con i sindacati per discutere delle prospettive dello stabilimento e della strategia organizzativa dei prossimi mesi.

“Siamo molto soddisfatti – commenta il segretario di Uilm Chieti-Pescara, Nicola Manzi – con la Honda Italia abbiamo siglato un accordo con 110 assunzioni a tempo indeterminato e senza il ricorso all’istituto della stagionalità per i prossimi 18 mesi. La Honda Italia ha finalmente lasciato alle spalle la crisi iniziata nel 2008. Un salto importante, grazie ai dipendenti e a una visione strategica e lungimirante della direzione aziendale, lo stabilimento può proiettarsi con fiducia verso i prossimi anni.” Novità importanti quindi sul fronte delle assunzioni. Attualmente nello stabilimento lavorano 400 dipendenti con contratto a tempo indeterminato e 100 con contratto in staff leasing. A questi si aggiungeranno da subito altri 100 dipendenti con contratto in staff leasing e 10 con contratto diretto Honda a tempo indeterminato, in totale 110 nuovi dipendenti.

“La novità più importante emersa dall’incontro – prosegue Manzi – è proprio la prospettiva di nuovi posti di lavoro. Honda ha deciso di investire e restare sul territorio che ha dato tanto a questo marchio e la conferma arriva anche dal fatto che sarà congelata la stagionalità della produzione. Prima l’anno produttivo si divideva in bassa e alta stagione. Già da qualche anno abbiamo visto man mano accorciarsi i periodi di bassa produttività. Da quest’anno ci saranno 18 mesi ininterrotti di alta stagione fino ad almeno il mese di settembre del 2024. Le linee rallentano solo per settembre, ottobre e novembre 2023. E speriamo che il trend positivo prosegua anche per gli anni a venire”. La salita produttiva del 2022 ha convinto l’azienda a confermare anche quest’anno il premio produttivo previsto per ciascun dipendente e che va da un minimo di 2.500 euro a un massimo di 3.000 euro. I pagamenti avverranno in tre tranche: aprile, maggio e luglio. “Si sta tornando a numeri produttivi e occupazionali importanti – conclude il segretario generale Uilm Chieti-Pescara – Honda in questo momento a livello provinciale è l’unico stabilimento che assicura posti di lavoro e una produzione costante e sta affrontando il mercato con strategia e coraggio. I numeri sono reali, lo stabilimento ha sempre rifuggito le ambiguità, affrontando anche la crisi della componentistica in modo da preservare la produzione e da non intaccare i salari dei dipendenti e i risultati non sono mancati. Questa ripresa fa il paio con uno stabilimento in forte crescita e con l’ambizione di tornare ad occuparsi delle maxi moto e di nuovi modelli, tra cui spicca la sfida dei modelli elettrici. Honda Italia si sta facendo trovare pronta per il futuro ed è tornata a tutti gli effetti ad essere una grande realtà e punto di riferimento per l’automotive delle due ruote in Europa e nel mondo”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Honda Italia

Potrebbero interessarti

L'Abruzzo prima Regione del Centro sud a firmare l’accordo con una dote più alta delle altre Regioni. L’annuncio della Meloni: «La Roma-Pescara di farà»

La presenza dell'amministratore delegato Carlos Tavares e di Jean Philippe Imparato, responsabile della Pro One Business Unit, sottolinea l'importanza strategica dello stabilimento, che mira a raddoppiare le vendite entro il 2030, in linea con il piano Dare Forward 2030 di Stellantis.

Esaminati progressi e prospettive del Polo che, con oltre 10 anni di attività e 130 imprese coinvolte, propone una revisione della Smart Specialisation Strategy per contribuire in modo significativo allo sviluppo regionale.

"Nonostante l'impegno della Regione Abruzzo attraverso l' “Accordo di Finanziamento per gli Interventi di credito agrario a medio termine," la situazione rimane critica".