Lunedì 15 Luglio 2024

Cultura

Premio Giancristofaro 2024, a vincere è la Pro Loco di Coppito (AQ)

30/06/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Premio Giancristofaro 2024, a vincere è la Pro Loco di Coppito (AQ)

Premiate anche le Pro Loco di Sant’Omero, Chieti e Vasto.

Applausi, soddisfazione e anche tanta emozione nella cerimonia conclusiva del Premio Emiliano Giancristofaro, tenuta questa mattina nell’auditorium Diocleziano di Lanciano, che ha decretato i vincitori della seconda edizione del concorso promosso dall’Unpli Abruzzo e dedicato ai ragazzi del Servizio Civile nelle sedi delle Pro Loco della nostra regione.

La commissione tecnica, composta dalla professoressa di italiano e caporedattrice della Rivista Abruzzese, Lucia Di Virgilio, dal giornalista Enrico Giancristofaro, dal dottore in Lettere classiche, Marco Di Francesco, dal vice sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Lanciano, Danilo Ranieri, dal presidente regionale di Italia Nostra, Pierluigi Vinciguerra e presieduta dalla professoressa associata di Antropologia culturale all’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, Lia Giancristofaro, ha sciolto le riserve e comunicato i vincitori di un premio che, già alla seconda edizione, ha dimostrato tutte le sue potenzialità di crescita proprio tra quei ragazzi che il prof Giancristofaro tanto amava.

Ecco i nomi dei premiati nell’edizione 2024 sul tema del progetto annuale “Idiomi ed espressioni dialettali nella cultura immateriale abruzzese”:

Primo posto: Pro Loco di Coppito (AQ), con il progetto Popplete Loqui a cura dei volontari SCU Chiara Consiglio, Fatima Scassa, Leonardo Di Pietrantonio e Silvia Pezzetta.

Secondo posto: Unpli Abruzzo e Pro Loco Sant’Omero con il progetto La lengua de Sante Mire tra passato e presente, a cura dei volontari SCU Matteo Campitelli, Mattia Mascia e Francesca Di Pietro.

Terzo posto: Unpli Chieti con il progetto Pillole di abruzzese, a cura delle volontarie SCU Erica Gasbarri e Valentina Sacco.

Menzione speciale video: Pro Loco Città del Vasto con il progetto Il patrimonio culturale immateriale nel dialetto vastese, a cura della volontaria SCU Ilaria Tiberio.

Ai primi tre classificati tra gli elaborati scritti sono stati consegnati rispettivamente un buono da 50, 100 e 200 euro per l’acquisto di libri ed un attestato di partecipazione per ciascun volontario della sede di appartenenza.

Oltre alla commissione, alla premiazione erano presenti anche il presidente e vice regionale Unpli, Sandro Di Addezio e Sergio Carafa, il sindaco e vicesindaco del Comune di Lanciano, Filippo Paolini e Danilo Ranieri ed in collegamento da Roma, la responsabile nazionale Servizio Civile Universale, Bernardina Tavella.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano

Potrebbero interessarti

"Questa pietra non è solo un materiale, ma un simbolo della cultura e dell'identità dell’Abruzzo".

La presidente dell'Associazione Treglio Affresco, Antonella D'Addazio "Ritrovarci qui ogni anno è per noi una nuova sfida ed un nuovo traguardo"

l 6 luglio concerto all’alba con i Violoncellieri