Lunedì 04 Luglio 2022

Cronaca

Trasacco, accoltella il parroco della Basilica dei Santi Cesidio e Rufino Martiri, arrestato 77enne

05/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Trasacco, accoltella il parroco della Basilica dei Santi Cesidio e Rufino Martiri, arrestato 77enne

Il parroco è stato colpito al volto e alla gola poco prima di celebrare la funzione religiosa delle 17

Un uomo di 77 anni è stato arrestato nel pomeriggio di oggi dai carabinieri della stazione di Trasacco per tentato omicidio.

L'uomo, per cause ancora ignote, è accusato di aver accoltellato, colpendolo e ferendolo alla gola e al volto, il parroco della Basilica dei Santi Cesidio e Rufino Martiri, di Trasacco, Don Francesco Grassi. Il grave episodio di violenza è avvenuto oggi pomeriggio poco prima che il prete celebrasse la funzione religiosa delle 17. Il parroco è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Avezzano. Il religioso non sarebbe in pericolo di vita. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Avezzano.

Il sindaco di Trasacco, 𝐂𝐞𝐬𝐢𝐝𝐢𝐨 𝐋𝐨𝐛𝐞𝐧𝐞, si è recato all'ospedale di Avezzano per accertarsi delle condizioni di salute del parroco e per portare la solidarietà e l'affetto dell'amministrazione comunale e di tutta la comunità del paese, scioccate per l'accaduto. Numerose le testimonianze di solidarietà nei confronti del parroco.

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.

L'Arma dei carabinieri si dimostra ancora una volta sensibile alle problematiche della cittadinanza e pronta a tendere una mano alle persone in difficoltà.

È successo venerdì mattina, intorno alle ore 10. Un uomo, disteso accanto alla sua auto, ha provato a tagliarsi le vene con un taglierino. Provvidenziale l’intervento delle Guardie Giurate Sicuritalia Ivri.

Secondo quanto emerso dalle indagini, eseguite dai Carabinieri e coordinate dalla Procura, l'arrestato avrebbe erogato alla vittima prestiti con tassi di interesse dal 100% al 400 % annuo.