Marted 25 Giugno 2024

Cronaca

Roseto, morta la 22enne investita da un'auto mentre era in bici

23/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Roseto, morta la 22enne investita da un'auto mentre era in bici

Era stata travolta dal mezzo guidato da un uomo ubriaco.

Non ce l'ha fatta Flavia Di Bonaventura, la 22enne di Roseto, studentessa di Accademia delle Belle Arti, travolta domenica scorsa, a Scerne di Pineto, da una Fiat Panda, guidata da un operaio, un 34enne, risultato positivo all'alcoltest.

La giovane stava tornando a casa con altri due suoi amici dopo una festa quando è avvenuto la tragedia. La giovane era giunta in pronto soccorso già in coma profondo, le era stata diagnosticato un edema cerebrale diffuso ed è stata sottoposta ieri ad intervento durate tre ore, eseguito dall’equipe di Neurochirurgia dell'ospedale Mazzini di Teramo. Ma oggi i medici hanno dichiarato il decesso celebrale della 22enne. La ragazza donerà gli organi, volontà che aveva lei stessa espresso in vita.

Resta in rianimazione uno degli altri giovani investiti dal mezzo guidato dall'uomo ubriaco, per l'altra solo lievi ferite.

Si aggrava l’ipotesi di reato a carico del 34enne alla guida dell'auto che ha investito i giovani che verrà iscritto sul registro degli indagati per omicidio stradale. A procedere i carabinieri della locale stazione, coadiuvati dai militari della compagnia di Giulianova.

Dolore e sconforto in tutta la città dove la giovane era molto conosciuta, figlia di un ex calciatore e considerata erede della famiglia Celommi, noti artisti di Roseto degli Abruzzi. Il sindaco di Roseto degli Abruzzi Mario Nugnes ha proclamato il lutto cittadino.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

A perdere la vita schiantandosi con la sua moto contro un palo della luce Lorenzo Giangiacomo. La tragedia scuote la comunità.

Una squadra dei Vigili del Fuoco del Comando di Teramo è intervenuta questa mattina nei pressi di Casale San Nicola, nel comune di Isola del Gran Sasso, per soccorrere una vitella in difficoltà.

Sono 14 gli indagati accusati di reati gravissimi tra i quali associazione di tipo mafioso armata, omicidio plurimo, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e coltivazione di sostanze stupefacenti.

I militari del R.O.A.N. di Pescara in collaborazione con la Tenenza di Ortona hanno individuato un sito al cui interno era presente una carrozzeria abusiva priva di autorizzazioni per la gestione dei rifiuti speciali nonché della prevista abilitazione per l’emissione di fumi in atmosfera.