Giovedì 20 Giugno 2024

Cronaca

Incidente sulla statale 83: muore in ospedale dopo due mesi

27/05/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Incidente sulla statale 83: muore in ospedale dopo due mesi

Un 47enne di Ateleta (L'Aquila), coinvolto nell'incidente del pulmino Anffas di Castel di Sangro avvenuto il 28 marzo scorso sulla statale 83 Marsicana, è deceduto nell'ospedale San Salvatore dell'Aquila. L'uomo era stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione

È deceduto in ospedale a due mesi dall'incidente il 47enne di Ateleta (L'Aquila) coinvolto nell'uscita di strada del pulmino Anffas di Castel di Sangro, avvenuta il 28 marzo scorso sulla statale 83 Marsicana. L'uomo è spirato presso l'ospedale San Salvatore dell'Aquila, dove era ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione.

 

A seguito dell'incidente, la Procura della Repubblica di Sulmona aveva aperto un'inchiesta e nelle prossime ore procederà ad aggravare l'accusa per la conducente del pulmino, passando da lesioni a omicidio stradale. È stata inoltre disposta l'autopsia per stabilire se la morte sia direttamente collegata alle conseguenze del sinistro.

 

L'incidente è avvenuto intorno alle 17 del 28 marzo, quando la comitiva, dopo aver festeggiato nella sede di Castel di Sangro dell'associazione Anffas, stava rientrando a casa. Il pulmino è uscito di strada tra Alfedena e Villa Scontrone, ribaltandosi su un prato. I soccorsi sono stati immediati grazie agli automobilisti in transito. Uno dei feriti è stato estratto dalle lamiere dai vigili del fuoco, mentre tutti i feriti sono stati trasportati in ospedale in ambulanza. A bordo del mezzo viaggiavano anche due operatori, inclusa la conducente, che è stata indagata come atto dovuto

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila

Potrebbero interessarti

Nel fine settimana appena trascorso, la Polizia di Stato di L’Aquila ha intensificato i controlli stradali per contrastare l’eccessiva velocità e i comportamenti scorretti, specialmente da parte di numerosi motociclisti che, durante il periodo estivo, preferiscono le strade di montagna della provincia.

Tre giovani, due di origine egiziana e uno tunisino, sono stati trovati in possesso di circa 40 grammi di hashish e denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Il Col. Iadarola ha presentato l’inno ufficiale della fondazione, il brano “Non Avere Paura…Di Te”, una melodia composta, nella musica e nel testo ed interpretata live dallo stesso autore, l'Appuntato Giorgio Di Pietrantonio del Comando Provinciale Chieti.

Sequestrate piantagioni di cannabis coltivata in casa, pasticche di superdroga "blue punisher" e panetti di hashish e cocaina nascosti sul tetto