Giovedì 05 Dicembre 2019

Cronaca

Multe non notificate agli automobilisti di Lanciano, indagini della Corte Dei Conti

30/08/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Multe non notificate agli automobilisti di Lanciano, indagini della Corte Dei Conti

Sarebbero finora 1018 le contravvenzioni al codice della strada  elevate dagli agenti della Polizia di Lanciano e mai notificate agli automobilisti con un danno patrimoniale per il comune  Frentano di circa 100 Mila euro. 

Sul  caso è stata interpellata la Procura della Corte dei Conti Abruzzo che ha citato in giudizio la Mazal Global Solutions, società con sede a Milano, subentrata all’Aipa Spa nella gestione delle pubbliche affissioni, riscossione delle entrate comunali, trattamento informatizzato, riscossione multe per infrazioni codice della strada e gestione parcheggi a pagamento. 



Ad accorgersi che qualcosa non quadrasse sarebbe stata la polizia municipale il cui comandante, Guglielmo Levante, dopo aver scoperto che centinaia di atti, per un importo di circa 23mila euro, non erano stati notificati, ha segnalato il caso sia al sindaco Mario Pupillo che alla Corte  dei Conti che ha subito affidato alla stessa Polizia municipale l’incarico di indagare. 
Un’ operazione certosina in cui gli agenti hanno ricostruito l’intera gestione computerizzata del servizio affidato alla società sotto accusa, riscontrando le gravi irregolarità che hanno portato un ingiusto pregiudizio alle finanze del comune, con danni finora stimati in 97147 euro di mancato introito. Si indaga per tentare di capire quante siano state ancora le infrazioni mai notificate agli automobilisti trasgressori. 
CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Questa mattina il personale della Squadra Volante impegnato nel servizio di controllo del territorio per la prevenzione e repressione dei reati ha rintracciato in via Passolanciano un noto pluripregiudicato D.V.A. 47enne pescarese, autore, lo scorso 20 novembre, di una rapina presso supermercato di via Ravenna.

I controlli del Nas dei Carabinieri nello stabilimento abusivo nel pescarese ha portato alla scoperta di additivi alimentari non tracciati.

I Carabinieri del Nas di Pescara hanno scoperto nella struttura gravi carenze igieniche sanitarie.

"Questa archiviazione è un colpo che fa molto male. Per quello che riguarda me e la mia famiglia, non ho parole, mi sento preso in giro dalla giustizia". Dice Alessio Feniello