Marted 27 Febbraio 2024

Cronaca

Incendio boschivo colposo a Ripa teatina, i Carabinieri Forestali deferiscono il responsabile

03/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Incendio boschivo colposo a Ripa teatina, i Carabinieri Forestali deferiscono il responsabile

I Carabinieri Forestali di Chieti, a seguito di accertamenti sulle cause che, nei giorni scorsi, hanno provocato un incendio boschivo di latifoglie ed ex coltivi che ha interessato una superficie complessiva di circa 2,50 ha, hanno deferito all’A.G. un cittadino intento ad eseguire lavori agricoli con un mezzo meccanico.

L’incendio, durato diverse ore, è stato anche oggetto di riaccensioni spontanee. L’intervento pressoché immediato dei militari ha consentito di ricostruire la dinamica dell’evento che ha avuto per certo una matrice colposa. “Si ricorda come in condizioni di estrema siccità del terreno e di temperature particolarmente elevate, anche le lavorazioni agricole costituiscano un potenziale pericolo per gli incendi.

Il reato commesso che prevede, nel caso specifico, da uno a cinque anni di reclusione (art. 423 bis C.P.), se pur grave per il danno cagionato e ancor più per le conseguenze non prevedibili nel caso in cui l’incendio avesse continuato a propagarsi, ha comunque visto l’impegno e la collaborazione del cittadino, successivamente deferito, nell’allarmare il sistema di gestione emergenze incendi boschivi e nel contenimento manuale del fuoco stesso.

Anche quest’anno, il rischio che si propaghino pericolosi incendi boschivi è serio e già tangibile; è fondamentale dunque elevare e rafforzare il livello di attenzione dei cittadini e delle Amministrazioni comunali (molte hanno già emanato apposite ordinanze) verso comportamenti virtuosi e più responsabili delle conseguenze che un incendio boschivo può provocare alla collettività in termini di danno agli ecosistemi e perdita di biodiversità”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nel corso di un'operazione mirata denominata "Drug Market", i militari del Comando Provinciale di Pescara hanno arrestato un giovane spacciatore trentenne, sequestrando un carico di sostanze stupefacenti stimato in 8.000 euro sul mercato della droga.

È accaduto questa sera, 25 febbraio 2024, intorno alle 21 tra via Vittorio Veneto e corso Bandiera.

Operazione delle volanti nel quartiere di via Raiale porta all'arresto di un 33enne pakistano, colto sul fatto dopo il furto di cavi in rame.

Ancora da chiarire le cause della tragedia. Indaga la polizia di Vasto