Marted 23 Luglio 2024

Cronaca

Coronavirus Abruzzo,, l'assessore Verì spiega il nuovo modello gestione sanitaria pazienti positivi

22/07/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus Abruzzo,, l'assessore Verì spiega il nuovo modello gestione sanitaria pazienti positivi

Il medico di famiglia attiverà un team di medici che prenderà in carico il paziente con Covid e valuterà il percorso diagnostico da fargli seguire.

È stato illustrato a Pescara, il nuovo modello di gestione sanitaria territoriale dei pazienti Covid. Obiettivo: ridurre gli accessi ai pronto soccorso. Il nuovo modello, spiegato dall’assessore alla salute Nicoletta Verì, prevede un “team di medici”, ex Usca (le unità di continuità assistenziale), attivo nelle quattro province abruzzesi, che prenderà in carico il paziente-Covid.

Il team sarà attivato dal medico di famiglia generale (è previsto un numero di telefono unico), oppure dalla guardia medica nei giorni festivi e prefestivi. Sarà il medico di famiglia a valutare il percorso diagnostico da seguire. Alla conferenza stampa hanno partecipato tra gli altri il direttore regionale del Dipartimento salute, Claudio D’Amario, il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza, e i direttori sanitari delle quattro Asl abruzzesi.

“Dopo la chiusura delle Usca, come stabilito dalle linee di indirizzo ministeriale – ha spiegato l’assessore alla salute Nicoletta Verì – abbiamo capito che non potevamo dare in carico solo al medico di famiglia la gestione dei pazienti Covid. Il medico di medicina generale dovrà essere comunque il punto fondamentale di questa rete di assistenza territoriale ma nei giorni in cui lui non sarà presente sarà affiancato da una unità di medici, ex personale delle Usca. E dunque ci sarà una continuità assistenziale. Nei giorni in cui il suo medico è assente, il paziente può chiamare la continuità assistenziale e dunque rivolgersi a un team di medici che saranno a disposizione per consigli e cure adeguate per i pazienti. Verranno aperti degli ambulatori Covid dedicati dove si potranno eseguire quei test diagnostici che serviranno come primo elemento di risposta al Covid per vedere se poi il paziente deve essere ricoverato oppure seguire un altro iter. Questa rete è fondamentale perché così facendo avremo la possibilità di ridurre gli accessi ai pronto soccorso, tenendo presente che a breve avremo nuove linee di indirizzo per isolamento, incubazione e gestione delle persone alle prese con il Covid”. L’assessore Veri ha poi concluso dicendo che “è in atto anche, considerando l’aumento dei positivi, una riorganizzazione delle aperture degli hub vaccinali visto anche l’aumento di richieste di vaccinazioni”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Raccolti gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli arrestati. 76 gli indagati.

Le condizioni dell’uomo sono parse subito gravi dopo la caduta violenta sull’asfalto.

Due diportisti della provincia di Chieti sono stati salvati dalla Capitaneria di Porto di Ortona (Chieti) dopo che la loro barca si è rovesciata per il mare mosso.

Le indagini erano partite ad Aprile dopo l’aggressione per rapina di uno straniero da parte dei tre.