Mercoledì 28 Ottobre 2020

Cronaca

Arrestata dai Carabinieri del Comando provinciale di Chieti una ladra seriale romena, viveva a San Giovanni Teatino

17/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Arrestata  dai Carabinieri del Comando provinciale di Chieti una ladra seriale romena, viveva a San Giovanni Teatino

La donna, specializzata nel furto in gioiellerie, ha compiuto colpi in tutta Italia.

La giustizia è arrivata inesorabile per R.B. 45enne romana, che da oltre dieci anni si era data al furto professionistico in tutta Italia. La donna, che da qualche tempo viveva a San Giovanni Teatino, si era resa responsabile del reato di furto aggravato in tutto il territorio nazionale, isole comprese: aveva infatti collezionato denunce a piede libero a Bracciano, Marsala, Civitavecchia e Teramo per aver raggirato diverse gioiellerie insieme ad alcune complici, tutte donne. Ma sabato scorso è arrivata la resa dei conti da parte del Tribunale Ordinario di Civitavecchia che ha emesso l’ordinanza di custodia in carcere per il cumulo pene raccolto dalla ladra appassionata di gioielli: quattro anni e venti giorni di pena, quelli che l’Arsenio Lupin al femminile dovrà scontare nel carcere di Teramo, dove è stata portata dai carabinieri della Stazione di Sambuceto di San Giovanni Teatino. La pena matematicamente accumulata arrivava a più di sei anni di reclusione, ma per una delle condanne il suo legale aveva chiesto l’applicazione di una misura alternativa alla detenzione, dunque è stata scorporata dal conteggio finale. La donna dovrà pagare inoltre una multa di 950 euro.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Rispetto a ieri si registrano 345 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 104 anni). Dei nuovi casi, 128 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti.

“Apprendiamo con profondo dolore gli sviluppi dell’inchiesta della magistratura su alcuni episodi che sarebbero avvenuti nell’unità di cardiochirurgia del policlinico di Chieti. Abbiamo massima fiducia nel lavoro degli inquirenti e ci auguriamo che venga fatta piena luce su quanto accaduto nel più breve tempo possibile.

Nella mattinata odierna, militari del Comando Provinciale di Chieti unitamente ai colleghi delle province di Pescara, Teramo, Macerata, Ascoli e Padova hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Chieti su richiesta della Procura della Repubblica di Chieti, nei confronti di 4 soggetti residenti in Abruzzo e nelle Marche, indagati a vario titolo per corruzione, falso, turbativa d’asta e omicidio colposo per una maxi frode sulla spesa sanitaria.

Il grido di dolore e di rabbia di baristi ristoratori e dei rappresentanti delle altre categorie interessate dalle chiusure previste dal nuovo decreto.