Mercoledì 27 Gennaio 2021

Cronaca

Accoltellata a Francavilla al Mare salvata dal suo cane

03/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Accoltellata a Francavilla al Mare salvata dal suo cane

Una donna moldava è ricoverata in prognosi riservata all'ospedale di chieti dopo essere stata accoltellata stamane nella sua abitazione di Francavilla al Mare da un uomo di origini albanesi.

 Il tentato omicidio è avvenuto a Valle Anzuca, nella zona stadio. L’uomo R.B. 28 anni sarebbe giunto nell’abitazione della donna e dopo aver discusso animatamente con lei a causa del rifiuto di quest’ultima di intraprendere una relazione amorosa con lui gli ha sferrato, utilizzando un coltello da cucina, 12 coltellate che l’hanno colpita gravemente a fegato e polmoni.
Ad intervenire bloccando l’uomo ancor prima dei famigliari della donna è stato il cane, un pastore abruzzese di di proprietà dei genitori della donna , che ha ferito l’aggressore al volto bloccandolo di fatto a terra fino all’arrivo dei carabinieri, che lo hanno dunque colto in flagranza di reato e sequestrato l’arma. La donna, è stata soccorsa dal 118 e trasportata subito all'ospedale di Chieti e sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. Sembra che la donna non corra pericolo di vita. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, irregolare e senza fissa dimora, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio ma la sua posizione potrebbe aggravarsi se la donna non riuscisse a salvarsi. Del grave fatto di violenza si occupano i carabinieri della compagnia di Chieti Scalo diretti dal Maggiore Massimo Capobianco.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si teme per le sorti dei 4 avezzanesi che potrebbero essere stati travolti da una valanga.

I dispositivi erano importati dalla Cina da due aziende di Sant'Egidio e Civitella del Tronto i cui titolari sono stati denunciati.

Le indagini, coordinate dalla Procura delle Repubblica di Teramo, sono state avviate dopo gli accertamenti dei carabinieri del nucleo antisofisticazioni sui focolai da Covid-19 verificatisi nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie della provincia di Teramo.

Neve , vento e nebbia rendono impossibili le operazioni di soccorso.