Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

9 veicoli sequestrati a Pescara dalla Guardia di Finanza, avevano targhe estere

29/08/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
9 veicoli sequestrati a Pescara dalla Guardia di Finanza, avevano targhe estere

Le autovetture, in particolare quelle di lusso, costituiscono importante indice di capacità contributiva e conseguente campanello di allarme che fa spesso scaturire approfondimenti con verifiche fiscali (ovviamente a carico dei Contribuenti che dichiarano al Fisco redditi esigui e non proporzionati rispetto al tenore di vita personale e/o familiare).

Nella fattispecie, i motivi al non adeguamento della normativa vigente, potrebbero essere di natura fiscale, nonché di evasione del bollo auto e di indebito risparmio sulla polizza assicurativa. Perciò, al fine di individuare coloro che pongono in essere tali illegittime condotte e stratagemmi evasivi, il Gruppo Guardia di Finanza di Pescara – nel corso dei servizi di controllo economico del territorio – ha avviato un mirato ciclo operativo di controlli individuando già un significativo numero di casi. In particolare sono stati già individuati nove casi di soggetti proprietari e regolarmente residenti, con conseguente contestazione della violazione di cui all’art. 93 del Codice della Strada procedendo al fermo e al sequestro amministrativo dei veicoli con targa estera (polacca, rumena, francese, bulgara, tedesca, slovena e slovacca).

Si ricorda che con l’entrata in vigore della legge n. 132 del 01.12.2018 (di conversione del Decreto Legge n. 113/2018), che ha integrato, tra l’altro, il Codice della Strada, l’illecito scatta per il solo fatto di essere colti a circolare con targa estera (da parte dei residenti in Italia da oltre 60 giorni): per i trasgressori è ora prevista una sanzione amministrativa da 712 a 2.848 euro, con contestuale trasmissione del documento di circolazione alla Motorizzazione competente da parte dell’Organo accertatore al fine di ordinare l’immediata cessazione della circolazione del veicolo. Ma non basta: decorsi sei mesi dalla violazione, se non è stato richiesto il foglio di via per portarlo oltre il confine italiano, si applica la sanzione della confisca del veicolo stesso.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri

Ennesimo Incidente stradale a Lanciano in via De Crecchio all'incrocio con via Veneto