Domenica 29 Gennaio 2023

Attualità

Via Verde Costa dei Trabocchi, incontro Provincia Chieti - Regione su futuro vecchie stazioni

11/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Via Verde Costa dei Trabocchi, incontro Provincia Chieti - Regione su futuro vecchie stazioni

Decisa l'istituzione di un tavolo di coordinamento relativo al PSTT, il Piano di Sviluppo Turistico e Territoriale.

"Si è svolta questa mattina presso il Palazzo della Provincia di Chieti una riunione con la Regione Abruzzo in merito all'acquisto delle vecchie stazioni ferroviarie e dei compendi ferroviari insistenti sulla Via Verde Costa dei Trabocchi".be dà notizia il presidente della Provincia di Chieti Francesco Menna.

"Un incontro proficuo che vede la massima collaborazione tra Provincia di Chieti e Regione Abruzzo al fine ultimo di arrivare quanto prima all'acquisizione delle stesse. In attesa che si concluda il tavolo tecnico con RFI, d'intesa con la Regione Abruzzo abbiamo deciso di istituire un tavolo di coordinamento relativo al PSTT, il Piano di Sviluppo Turistico e Territoriale. La Regione Abruzzo, nella persona di Enzo Pellegrini presente alla riunione per conto dell'Assessore regionale, Nicola Campitelli, si è resa disponibile ad inserire l'acquisto delle vecchie stazioni ferroviarie e dei compendi, all'interno del PSTT in conformità alla nuova normativa regionale affinché si rispettino con coerenza e rigore i principi di accoglienza turistica e di tutela ambientale della Via Verde Costa dei Trabocchi".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il Comune di Pescara sta per realizzare 124 "Parcheggi Rosa" per la sosta delle vetture di mamme in dolce attesa e di bambini sino ai due anni di età.

Bruno De Felice: La fiera di Lanciano è indubbiamente un gioiello, un piccolo diamante che deve essere sostenuto anche per tornare ad attrarre l’interesse di espositori al di fuori dei nostri confini.

Campitelli: “Obiettivo primario riconsegnare le terme di Caramanico alla fruizione della cittadinanza”

Si tratta di un inventario pubblico dei terreni abbandonati o incolti, pubblici e/o privati, al fine del loro recupero ad uso produttivo agricolo, che i proprietari o gli aventi diritto hanno dichiarato disponibili per la temporanea assegnazione ai soggetti che ne faranno richiesta”.