Lunedì 10 Agosto 2020

Attualità

Coronavirus: Febbo, saldi posticipati al 1 agosto

20/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus: Febbo, saldi posticipati al 1 agosto

Per consentire alle attività commerciali di recuperare in parte le vendite stagionali impedite dal periodo di lockdown

"La partenza dei saldi estivi slitterà dal 4 luglio al 1 agosto 2020 andando incontro sia al comparto commerciale che ha subito la chiusura imposta dal Coronavirus, sia ai consumatori di potersi riappropriare della normalità che durante questa pandemia è venuta meno". Lo comunica l'assessore alle Attività Produttive Mauro Febbo che sottolinea come "la decisone è stata assunta all'unanimità dagli assessori regionali alle Attività economiche durante la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome rendendola uniforme su tutto il territorio nazionale. "Lo spostamento della data inizio dei saldi – precisa Febbo – ha l'obiettivo di consentire a tutte le attività, che a causa del lockdown hanno subito pesanti cali di fatturato, di poter recuperare in parte le vendite stagionali, andando incontro al comparto commerciale ed artigianale. Il periodo di saldo osserva le stesse procedure precedenti con riferimento a prodotti di carattere stagionale o di moda, suscettibili di notevole deprezzamento se non vengono venduti entro un certo periodo di tempo per una durata massima di sessanta giorni e l'esercente che intende effettuare la vendita di fine stagione è tenuto a darne comunicazione al SUAP del competente Comune, almeno due giorni prima della data in cui deve avere inizio".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il progetto ha visto numerosi Incontri e affollati laboratori in sei comuni del Chietino.

Prima fase dei lavori dell’Autorità di sistema portuale per il ripristino della massicciata che protegge la banchina commerciale. Incarico affidato alla ditta Ne.co Costruzioni per un quadro economico di 800 mila euro con lavori programmati nel 2021 per un altro milione di euro.

Il Ministero, quotidianamente, pubblica numerose faq, cambiando continuamente le regole in corsa, generando confusione, ansie e giuste preoccupazioni.

E' il frutto di una rete solidale delle Acli sul territorio per aiutare le persone in difficoltà economica a causa dell'emergenza Covid19