Mercoledì 20 Gennaio 2021

Attualità

Confindustria, incarico nazionale per l’abruzzese Lino Olivastri

26/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Confindustria, incarico nazionale per l’abruzzese Lino Olivastri

Olivastri:“In questo difficile momento storico dobbiamo rafforzare le sinergie”

Incarico nazionale di rilievo per l’abruzzese Lino Olivastri, vice presidente della Sezione Servizi innovativi di Confindustria Chieti Pescara, eletto pochi giorni fa vice presidente del Comitato nazionale di Coordinamento territoriale (CNCT) di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici. Un ruolo operativo strategico, centrato nel corso dell’assemblea plenaria che ha visto il rinnovo dei vertici del Comitato nazionale con l’elezione del nuovo presidente, il salernitano Edoardo Gisolfi, e della squadra che lavorerà nel biennio 2020/2022, con Olivastri alla vice presidenza. “Il Comitato promuove i valori culturali distintivi del settore ed esercita funzioni di raccordo e di monitoraggio di esigenze e proposte che provengono dal territorio stesso”, ha dichiarato Olivastri, “e in questo difficile momento storico, il suo compito appare ancora più decisivo, incentrato sul rafforzamento di sinergie e capacità di rappresentanza”. Le imprese del territorio, in prevalenza piccole e medie, sono investite da una serie di criticità che vanno dai casi di ritardati pagamenti ai problemi legati ai bandi di gara, all’impatto dei processi di digitalizzazione avviati negli enti locali fino alle difficoltà nel gestire il personale con gli attuali strumenti di welfare, soprattutto nell’attuale congiuntura economica che impone all’azienda flessibilità e adattabilità alle continue mutevoli condizioni del mercato. “L’incarico ad un abruzzese è un risultato importante che consentirà di trasferire le istanze del nostro territorio nei tavoli decisionali del Sistema confindustriale”, ha detto Silvano Pagliuca, presidente di Confindustria Chieti Pescara, congratulandosi con Olivastri, “sono certo che questo ci consentirà di raggiungere risultati di rilievo nel processo di transizione 4.0, lavorando insieme per questo importante obiettivo strategico”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il sindaco Masci: Le nostre insistenze ci permettono ora di eliminare quella collina di fanghi che offende il decoro del porto e della città.

Nella tragedia della valanga che colpì l'Hotel della località di Farindola il 18 gennaio 2017 morirono 29 persone tra le quali due teatini, Dino Michelangelo e Marina Serraiocco.

Il sindaco Ferrara e l'assessore Raimondi: "Così potremo usufruire dell'ecobonus e rispondere anche alle esigenze sociali del settore"

Il sindaco Masci: "Opera lungamente attesa che con orgoglio annuncio ai pescaresi"