Marted 02 Giugno 2020

Sanità

Sanità, Progetto Lanciano: "L'assessore Verì si è sottratta a confronto più ampio su ospedale Renzetti"

25/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Sanità, Progetto Lanciano: "L'assessore Verì si è sottratta a confronto più ampio su ospedale Renzetti"

Il movimento civico aveva invitato l'assessore ad un convegno proprio per parlare dei progetti futuri dell'ospedale frentano, l'assessore avrebbe negato la sua presenza.

"Progetto Lanciano si è mosso fin dai primi giorni di febbraio per mettere intorno ad un unico tavolo l’assessore regionale alla Sanità e i consiglieri regionali, di maggioranza e opposizione, in un convegno aperto alla cittadinanza e al territorio sui temi della salute e della sanità pubblica. Erano giorni in cui si susseguivano interventi e dichiarazioni incrociate su tagli e disagi dell’attuale ospedale e sul futuro del nuovo Renzetti. Come movimento civico volevamo conoscere in quale direzione ci si stesse muovendo e ribadire che deve essere la politica, e quindi il consiglio regionale, a decidere sulla importante materia della sanità e del diritto alla salute. Dopo un primo contatto con lo stesso assessore e nei giorni successivi soprattutto con il suo staff, ci siamo sentiti negare la sua partecipazione al convegno. - E' quanto scrive in una nota Progetto Lanciano, il movimento civico appartenente alla maggioranza in seno al comune di Lanciano, che non ha digerito affatto la partecipazione dell'assessore alla sanità Nicoletta Verì alla conferenza stampa, stamane alla Casa di Conversazione, insieme all'assessore regionale Campitelli ed al manager della Asl Schael, volta a fare chiarezza sulle priorità che saranno poste in essere dalla Regione per l'ospedale Renzetti - "Oggi, per caso,- scrive ancora Progetto Lanciano - veniamo a sapere di una conferenza stampa della Lega, nella quale l’assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, addirittura insieme al direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, è venuto a spiegare che cosa si sta facendo e cosa si vorrà fare per l’ospedale di Lanciano. Ci spiace che l’assessore Verì si sia sottratta ad un confronto più ampio, super partes, con la città e con il territorio. Non vorremmo che il motivo fosse perché, ad oggi, non ci sono idee su come riempire di contenuti un ospedale Dea di I livello che giorno dopo giorno viene svuotato per arrivare, - conclude la nota - probabilmente, a giustificarne la chiusura o perché si vuole tornare alla nefasta idea di realizzare un nuovo presidio ospedaliero fuori dal centro di Lanciano.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dopo la consegna a ospedali e strutture pubbliche, l'Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) di Chieti ha completato la distribuzione delle mascherine FFP2 ai colleghi che operano nelle strutture private della provincia.

Parruti: "Finalmente tutti i malati che hanno bisogno della nostra assistenza hanno uno spazio adeguato"

Un tavolo di confronto permanente con l’obiettivo di affrontare congiuntamente le tematiche di maggiore rilevanza: dai nuovi modelli organizzativo-assistenziali alla formazione specifica.

Importante e impegnativa l’attività portata avanti in questi mesi dal Dipartimento Prevenzione della Asl, diretto da Giuseppe Torzi