Marted 23 Luglio 2024

Sanità

Ospedale L'Aquila, inaugurati nuovi locali di Pneumologia, più posti letto, più spazi e più tecnologia

13/07/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Ospedale L'Aquila, inaugurati nuovi locali di Pneumologia, più posti letto, più spazi e più tecnologia

Oggi pomeriggio si è svolta l’inaugurazione dei nuovi locali al Delta 7, alla presenza dei vertici della Regione e della Asl

Pneumologia nella nuova sede del Delta 7: più posti letto, più spazi, più tecnologia, maggiore fruibilità degli ambulatori. Lo spostamento dall’edificio L2, avvenuto nelle settimane scorse, segna un salto di qualità in termini di organizzazione del lavoro degli operatori sanitari e, di riflesso, di assistenza degli utenti.

Oggi pomeriggio, all’inaugurazione della nuova sede del reparto dell’ospedale di L’Aquila, erano presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Marco Marsilio, l’assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì, il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza, il senatore Guido Liris, il Manager della Asl, Ferdinando Romano, il direttore sanitario aziendale, Alfonso Mascitelli, il direttore dell’unità operativa Gian Luca Primomo, il direttore del dipartimento medico, Alessandro Grimaldi e il consigliere delegato alla sanità, Stefano Flammini, per il Comune di L’Aquila. La benedizione è stata impartita dal vescovo ausiliare dell’Aquila mons. Antonio D’Angelo. 16 posti letto. Nella nuova ubicazione, all’interno del Delta 7, il reparto dispone di 16 posti letto: 12 per la pneumologia e 4 per l’Utir (Unità di terapia intensiva respiratoria).

Nell’intensiva respiratoria, inoltre, è stata allestita una stanza da isolamento, con un posto letto, per trattare patologie infettive. Tecnologia. Il reparto è dotato di un sistema che consente di monitorare in modalità ‘da remoto’ sia i pazienti ricoverati in pneumologia sia in Utir, anche con l’utilizzo di videocamere. Più comfort. Il miglioramento dovuto allo spostamento riguarderà, oltre a una maggiore disponibilità di spazi, anche l’aspetto alberghiero. Le stanze di degenza sono infatti di 2 o al massimo 3 posti letto e tutte dotate di bagno, in modo da offrire un qualificato livello di comfort. Ambulatori a contatto col reparto. Un altro importante aspetto, legato alla nuova location, è quello della dislocazione degli ambulatori che nella precedente sede operativa erano staccati dal reparto. Ora, invece, l’attività ambulatoriale si svolge in spazi contigui all’unità operativa, consentendo una migliore organizzazione del lavoro. Negli ambulatori, oltre al Day Hospital, vengono assicurate le prestazioni di broncoscopia e trattate fibrosi polmonare, asma grave, Bcpo (broncopneumopatia cronica ostruttiva) e sindromi delle apnee notturne. L’attività ambulatoriale potrà contare a breve su nuove strumentazioni. Per potenziare il personale, inoltre, è in corso l’assunzione di un nuovo medico. Presidente Marsilio. “Abbiamo un reparto tecnologicamente più avanzato”, dichiara il presidente Marsilio, “con un approccio innovativo al percorso terapeutico in grado di offrire a tutti i cittadini un nuovo punto di riferimento dell’area medica ospedaliera” “Da oggi l’ospedale San Salvatore può contare nella nuova sede su una nuova struttura altamente specializzata nella diagnosi, cura e follow-up di pazienti che presentino patologie respiratorie croniche e di livello complesso” “La Regione”, aggiunge Marsilio, “sostiene così azioni che permettono al sistema sanitario di introdurre nuovi modelli organizzativi, migliorando l’efficienza e offrendo un’assistenza di alto livello, anche grazie all’innovazione tecnologica, con un numero maggiore di posti letto, spazi più ampi e maggiore fruibilità degli ambulatori. “Il nuovo reparto di Pneumologia”, conclude il presidente della Regione, “coniuga al meglio le competenze cliniche e le risorse tecnologiche per ottimizzare il ciclo di cura a beneficio dei pazienti, delle loro famiglie e degli operatori sanitari” Assessore Verì: “L’inaugurazione di oggi”, afferma l’assessore regionale alla sanità, Verì, “rappresenta un ulteriore tassello del programma di ammodernamento strutturale e tecnologico dei presidi ospedalieri abruzzesi, che l’attuale governo regionale sta portando avanti fin dal suo insediamento. Erano anni che non venivano effettuati investimenti sui nostri ospedali e questa giunta, lavorando a stretto contatto con le Asl, ha finalmente invertito la rotta, procedendo sia al rinnovo delle apparecchiature, sia alla riqualificazione delle strutture. Uno sforzo non indifferente, che si affianca a nuove assunzioni e a un piano di digitalizzazione che contribuirà a rendere sempre più efficiente l’assistenza ai cittadini”. Manager Asl, Romano. “La nuova collocazione della Pneumologia”, dichiara il Manager della Asl, Romano, “rientra nel piano di sviluppo dell’azienda, finalizzato al progressivo miglioramento logistico e organizzativo di reparti e servizi dell’ospedale di L’Aquila, congiuntamente al reclutamento di personale qualificato, come dimostra la recente nomina a primario del dott. Primomo. L’obiettivo è valorizzare tutto il patrimonio strutturale, tecnologico e umano dell’Azienda per attuare un modello sanitario sempre più funzionale a rispondere in maniera adeguata, tempestiva e qualificata alle necessità di assistenza dei pazienti”

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La volontà della Regione Abruzzo di individuare la zona di Villa Mosca per la costruzione del nuovo ospedale ci soddisfa pienamente dichiara in una nota il segretario provinciale UGL Salute Stefano Matteucci.

Verì: Già deliberato l’incremento di risorse per la realizzazione del nuovo nosocomio

Le novità in tema della revisione del vincolo di esclusività del professionista sanitario pubblico dipendente, introdotte nel periodo pandemico, vengono prorogate e riviste, in funzione della perdurante e profonda crisi della presenza di professionisti sanitari nel sistema salute italiano.

All’ospedale di Chieti l’équipe di Umberto Benedetto, Direttore del Dipartimento Cuore e della Cardiochirurgia, ha aperto la strada alla cardiochirurgia robotica con un intervento di bypass coronarico utilizzando il “Da Vinci” in dotazione all’ospedale.