Venerdì 04 Dicembre 2020

Politica

Turismo,Di Dalmazio: "dal bando della legge 77, nove milioni di euro per la qualità "

15/02/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

15 febbraio 2012. Il nuovo bando della legge 77 del 2000, riguardante interventi di sostegno alle imprese operanti nel settore del turismo e con una dotazione finanziaria di 8 milioni 850 mila euro, è stato presentato, questa mattina, a Pescara, in Regione, dall'Assessore al Turismo Mauro Di Dalmazio, dal Presidente della Finanziaria regionale (FIRA), ente chiamato dalla legge a gestire tali fondi, e dal direttore regionale del settore, Gianluca Caruso. Pubblicato sul Bura n. 7 Speciale del 20 gennio scorso dopo l'approvazione in Giunta dello scorso 23 dicembre, il bando della 77/2000 è rivolto ad imprese ed enti non profit e prevede la concessione di contributi per la realizzazione e riqualificazione di strutture alberghiere, di strutture all'aria aperta, di strutture ricettive extra alberghiere e stabilimenti balneari. "Il programma prevede un'attuazione biennale - ha spiegato l'assessore Di Dalmazio - ed intende promuovere la "cultura della qualità" attraverso l'aumento del numero di imprese aderenti a marchi di qualità volontari, credibili, ad alta visibilità nazionale ed europea come l'ISO 9001, l'ISO 14001, l'EMAS, l'ECOLABEL europeo e l'ECOWORLDHOEL, favorendo, al tempo stesso, l'adozione di soluzioni più rispettose per l'ambiente nella riduzione dell'inquinamento, nella produzione di energia e nello smaltimento dei rifiuti". La scadenza del bando è prevista per il 20 marzo prossimo ma, a tal proposito, Di Dalamazio ha parlato di "situazione 'work in progress' per quanto riguarda la modalità di presentazione delle istanze di ammissione ai benefici". Infatti, una recente circolare delle Poste italiane ha sancito la non utilizzabilità della modalità a sportello per la selezione delle domande soprattutto a causa della apertura differenziata dei vari uffici sul territorio nazionale. "Per questo motivo - ha proseguito l'assessore - abbiamo deciso di individuare insieme alle associazioni di categoria, che incontrerò a breve, una diversa modalità di raccolta delle domande che, in ogni caso, non andrà ad incidere minimamente nè sulla sostanza del bando nè sulla stessa data di scadenza. Tra le ipotesi maggiormente accreditate - ha aggiunto l'assessore - si parla del sorteggio pubblico ma è ancora tutto da decidere". Subito dopo la tale decisione ci sarà l'obbligatorio passaggio in Giunta che consentirà di fissare con delibera la modifica del bando in questione. Il presidente della FIRA, Rocco Micucci, dal canto suo, si è sofferto maggiormente sugli aspetti legati alla comunicazione del bando. A tal proposito, a partire dalla giornata odierna, alcuni centri, compresi nei principali comprensori turistici della regione, ospiteranno incontri informativi. Il primo avrà luogo prporio oggi a San Valentino in Abruzzo Citeriore mentre sabato 18 l'appuntamento è a Rapino. Seguiranno, poi, gli incontri ad Ortona (lunedì 20), Raiano (giovedì 23), San Salvo (lunedì 27) e Teramo (lunedì 5 marzo). Infine, anche una novità tecnologica. Una vetrina interattiva touch-screen è stata allestita, a Pescara, presso la sede della FIRA, in via Ferrari. L'innovativo sistema, oltre alle informazioni sulla legge 77, fornisce notizie su tutte le opportunità di finanziamento offerte dalla Regione, da altri enti locali, dai Ministeri o dall'Europa, alle piccole e medie imprese o alle famiglie.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

regione turismo di dalmazio

Potrebbero interessarti

Il primo firmatario è il presidente della Regione Marco Marsilio." Dati in Abruzzo su questo fenomeno sono drammatici.

Il Governatore, nel corso della conferenza stampa per presentare la legge approvata a sostegno delle imprese della montagna, parla dell'attuale situazione in Abruzzo e dell'aumento dei posti letto nelle strutture sanitarie regionali.

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, tra i firmatari di una mozione volta a fare chiarezza sulla annosa vicenda dell’Istituzione storica da tempo in crisi, giudica la scelta del Comune inaccettabile e superficiale.