Marted 05 Luglio 2022

Miscellanea

Pescara, chiuse per dieci giorni le rampe di accesso e di uscita del ponte Flaiano su via Aterno

30/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
 Pescara, chiuse per dieci giorni le rampe di accesso e di uscita del ponte Flaiano su via Aterno

Chiusure necessarie per permettere alla ditta incaricata da Anas di eseguire lavori importanti di messa in sicurezza.

Resterà chiusa per almeno dieci giorni, fino al 10 settembre prossimo, la rampa di accesso al Ponte Flaiano da Via Aterno direzione sud-nord, con conseguente divieto di transito sulla carreggiata lato mare del ponte stesso: il provvedimento si è reso necessario per consentire alla ditta Cogema di effettuare, per conto dell'Anas, la sistemazione di alcuni piloni dell'asse attrezzato.

"Inizialmente - afferma l'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia - per evitare disagi al traffico, la ditta aveva preventivato le esecuzioni delle opere in orario notturno, a partire dalle 20,30 e fino alle 6,30, ora in cui la rampa veniva riaperta al traffico. Molti residenti, però, hanno protestato per i rumori notturni e, per questa ragione, da martedì 31 agosto, il cantiere sarà attivo negli orari consueti, tra le 6 e le 19".

Sarà chiusa anche la rampa di uscita dal Ponte Flaiano verso Via Aterno direzione nord-sud. "Si tratta di lavori necessari, che Anas deve eseguire per ragioni di sicurezza - conclude l'assessore Albore Mascia - che speriamo possano essere conclusi arrecando il minimo disagio al traffico cittadino".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara

Potrebbero interessarti

Si conferma anche quest’anno il successo della Befana del Vigile, iniziativa di solidarietà organizzata dal Comando di Polizia Municipale, guidato da Nicolino Casale.

Sull’intero complesso dello stadio di proprietà del Comune insistono vincoli che ne affermano la valenza storico-architettonica.

I caschetti sono ispirati al copricapo che i pompieri indossano in servizio e sono stati realizzati da due volontari Vigili del Fuoco del distaccamento di Montesilvano

È stato previsto di istituire una tariffa unica regionale da porre a carico dei professionisti che presentano l’Attestato di Prestazione Energetica