Lunedì 01 Giugno 2020

Miscellanea

Fossacesia,formati 11 ispettori ambientali comunali volontari

24/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Fossacesia,formati 11 ispettori ambientali comunali volontari

Il loro compito sarà di scoraggiare le condotte illecite in tema di rifiuti, di informare i cittadini, di sensibilizzare le persone al tema del rispetto ambientale

Con la consegna degli attestati, si è concluso a Fossacesia il corso per conseguire il titolo di Ispettori Ambientali. L’iniziativa è stata promossa dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio, in collaborazione di Legambiente Abruzzo e dell’EcoLan di Lanciano. Il corso era stato programmato qualche anno fa ma non si era svolto in quanto erano sopraggiunte alcune modifiche sulle normative. Dopo l’inevitabile rinvio, l’impegno assunto con quanti si erano mostrati intenzionati a svolgere il corso è stato ripreso e portato a conclusione. La prova finale si è svolta nell’aula del Consiglio Comunale di Fossacesia alla presenza del presidente regionale di Legambiente, Giuseppe Di Marco. Gli attestati ai neo Ispettori sono stati consegnati dal Vice Sindaco, Maria Angela Galante, a Carmine Nicola Annecchini, Patrizia Bucciante, Andrea Annunziato Campitelli, Ercole Liberatore, Alberto Marrone, Mariateresa Minadeo, Andrea Rosario Natale, Marco Paglione, Umberto Petrosemolo, Ivana Romanelli ed Ennio Scipione. Gli Ispettori Ambientali, formati dal dr. Gianluca Casciato (Legambiente) e dalla dr. Amanda De Menna (EcoLan SpA), avranno compiti per scoraggiare le condotte illecite in tema di rifiuti, di informare i cittadini, di sensibilizzare le persone al tema del rispetto ambientale e di segnalare eventuali conferimenti errati e illeciti. L’obiettivo è quello di far tenere ai cittadini comportamenti in linea con gli obiettivi di sostenibilità ambientale fissati dall’Amministrazione Comunale.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il laboratorio ludico-motorio che favorisce la coordinazione dei bambini che frequentano l'asilo nido Bamby

Acquistando un cuore di cioccolato si potrà dare un proprio contributo per la ricerca sulle malattie rare.