Giovedì 24 Settembre 2020

Economia

Atessa, riparte l’attività produttiva di Honda Italia

18/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Atessa, riparte l’attività produttiva di Honda Italia

È ripartita oggi l’attività produttiva della Honda Italia; dopo la graduale riapertura delle concessionarie di tutta Europa, allo stabilimento di Atessa tornano i 900 Associati, pronti a sfornare 500 unità al giorno.

La Honda Italia era stata fra le prime aziende ad adottare le misure di sicurezza anti Covid-19 e, durante questo periodo di chiusura, ha applicato ulteriori soluzioni insieme ai rappresentanti sindacali, nella logica del miglioramento continuo. Sono stati intensificati i servizi di pulizia e sanificazione in tutte le aree aziendali; adottate le misure di distanziamento nella sala mensa e nelle aree pausa, dotando ogni tavolo di appositi divisori in plexiglass; aumentati i dispenser di gel igienizzante nei luoghi di passaggio, esteso lo scaglionamento degli orari di lavoro per ridurre i picchi di presenza agli ingressi e nei luoghi collettivi; rimodulato lo smart work e l’accesso negli uffici per permettere una maggiore ridistribuzione dei lavoratori. Honda Italia, oltre ad aver adottato otto specifiche procedure che rispondono in modo efficace al Protocollo di contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro e, per aiutare le persone ad agire correttamente il cambiamento richiesto dall’emergenza, ha istruito preposti e addetti al primo soccorso attraverso la modalità del webinar e ha curato con attenzione la comunicazione. La campagna “In Honda, sicuri!” ha coinvolto tutti gli Associati. Prima del rientro in Azienda ognuno ha avuto accesso a informazioni e contenuti formativi attraverso il proprio telefonino. Il modo intuitivo di veicolare le semplici regole per lavorare serenamente hanno consentito di acquisire in anticipo le norme di accesso e permanenza, quelle di igiene e prevenzione, così come il corretto utilizzo delle mascherine e i percorsi pedonali a senso unico da seguire per muoversi all’interno dello stabilimento.



La campagna comunicativa continua in stabilimento, dove i canali di informazione interna sono stati integrati con segnaletica chiara e pannelli intuitivi che visivamente mostrano i comportamenti corretti da osservare. All’ingresso dello stabilimento, la Honda Italia ha accolto i propri Associati insieme ai volontari della Protezione Civile e consegnato il “kit di ripartenza” (mascherine protettive e gel igienizzante). Con la Protezione Civile, che ha monitorato la temperatura corporea dei lavoratori per assicurare la tutela della salute all’interno dello stabilimento, la Honda Italia ha intrapreso una collaborazione per sensibilizzare i comportamenti sani anche al di fuori dal contesto lavorativo.

Marcello Vinciguerra, Direttore di Stabilimento Honda Italia. “È arrivato il momento che tutti aspettavamo: tornare nella nostra Azienda per vivere la gioia più grande, quella di creare. Ripartiamo nel massimo rispetto dei nostri lavoratori e della loro salute. Priorità salvaguardate attraverso la meticolosa applicazione di misure, azioni e protocolli che vanno anche oltre quanto richiesto dalle disposizioni delle autorità governative e sanitarie. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli Associati che hanno permesso la ripartenza in totale sicurezza, ma anche quelli che hanno approfittato del tempo a disposizione per accrescere le proprie conoscenze attraverso la formazione a distanza, le pillole informative sulla storia e la filosofia della Honda, scrivendoci mail o mandandoci disegni carichi di speranza, di orgoglio per l’uniforme che indossiamo, di voglia di ripartire. Adesso ci aspettano i nostri clienti: la mobilità è un tema centrale e siamo certi che la qualità dei nostri prodotti e le importanti iniziative della Direzione Commerciale saranno in grado di soddisfare ogni necessità”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Honda Italia Atessa

Potrebbero interessarti

Nasce dalla collaborazione tra l'Associazione Commercianti di Ovindoli e Abrex che lanciano insieme il Progetto "Compra Ovindoli"

Giangiulli: Non c'è più tempo da perdere! Dalla politica ci aspettiamo non annunci e slogan, ma misure concrete che favoriscano realmente la ripresa

L'indagine dell' Ente bilaterale terziario e turismo, presieduto da Marisa Tiberio, rileva che durante il lockdown, 36.645 imprese abruzzesi del terziario, su un totale di 68 mila ditte censite, hanno dovuto sospendere l’attività comportando la paralisi del tessuto produttivo in Abruzzo.

Una spesa procapite pari a 58 euro mentre ogni famiglia stanzierà, in media, 135 euro per gli acquisti di merce scontata.