Domenica 16 Febbraio 2020

Ecologia e Ambiente

Gran Sasso, 5,3 milioni per la sicurezza delle sorgenti

29/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Gran Sasso, 5,3 milioni per la sicurezza delle sorgenti

foto Arnaldo Pilotti

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26 settembre 2019 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del primo agosto 2019 che dispone gli interventi relativi alla messa in sicurezza delle opere di captazione e adduzione dei sistemi acquedottistici alimentati dalle sorgenti del traforo del Gran Sasso

Per la progettazione, per la annualità 2019 sono stati messi a disposizione 1.150.000 per il lato Aquilano e 1.500.000 per il lato Teramano. Un finanziamento pari a quello del 2019 è previsto anche per l’annualità 2020. Un decreto che mira al recupero e all’ampliamento della tenuta del trasporto della risorsa idrica, evitandone anche la dispersione. Un provvedimento che era stato avanzato, all'Arera, l'autorità di Regolazione per energia reti e ambienti, a seguito del lavoro svolto dall’Ersi, l’Ente regionale per il servizio idrico integrato, presieduto da Daniela Valenza. Adesso ci sarà, da parte dell’Arera, l'attribuzione delle somme finanziate al fine di avviare le relative progettazioni. “Un ulteriore passaggio importante e necessario per il processo di messa In sicurezza del sistema Gran Sasso - ha commentato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio – il progetto è uno dei ventisei approvati dalla Presidenza del Consiglio. Adesso rimaniamo in attesa della ratifica della nomina del commissario per il Gran Sasso da parte del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per definire l’intero cronoprogramma degli interventi”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratta della versione in inglese del calendario digitale in uso ai Comuni che riporta non solo i giorni di raccolta, ma illustra anche le modalità per differenziare, l’elenco delle varie tipologie di rifiuto e il tipo di bidoncini da utilizzare, tutto accuratamente tradotto in inglese.

Al via l’iter virtuoso dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Enrico Di Giuseppantonio, che per tutto l’anno 2020 interesserà le attività di ristorazione che potranno vendere, per l’utilizzo esterno ai locali, solo materiale biodegradabile, a tutela dell'ambiente.

La Stazione Ornitologica Abruzzese,citata come contro-interessata, annuncia che si costituirà per sostenere la legittimità della decisione contraria alla realizzazione di una nuova discarica da 480.000 mc da parte del privato.

Bene ordinanze di alcuni sindaci per i divieti di fine anno ma servono controlli e azioni strutturali come il Regolamento Comunale di Chieti che li vieta tutto l'anno.