Mercoledì 29 Gennaio 2020

Ecologia e Ambiente

Cop25, cambiamenti climatici anticipano in Abruzzo vendemmia

05/12/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Cop25, cambiamenti climatici anticipano in Abruzzo vendemmia

L'agricoltura è uno dei termometri più eclatanti dei cambiamenti climatici che sono in atto: secondo una ricerca dell'Università "Gabriele D'Annunzio" genera un anticipo delle attività vegetative con gravi ripercussioni sulla qualità e sulla quantità dei raccolti.

La ricerca è stata presentata oggi al Cop25 di Madrid, la Conferenza sui cambiamenti climatici. Lo studio, illustrato dal prof. Piero Di Carlo, docente di fisica dell'atmosfera e clima, prende in esame l'anticipo della data di inizio della vendemmia nel calendario vitivinicolo. I dati sono stati raccolti seguendo l'andamento del ciclo produttivo della Cantina Valentini di Loreto Aprutino (Pescara), a partire dal 1817. All'inizio, come raccontano i dati, l'uva veniva raccolta a metà ottobre, oggi invece la vendemmia è anticipata a fine agosto. «A causa dell'incremento della temperatura, l'inizio della vendemmia nell'area vestina è anticipata di circa 6 giorni per ogni grado di aumento della temperatura - ha spiegato il professor Piero Di Carlo -. Un altro fenomeno che contribuisce all'anticipo della vendemmia è l'aumento delle precipitazioni intense, come ad esempio le 'bombe d'acqua', poiché in questi eventi l'acqua viene dispersa e non accumulata nel suolo». Queste osservazioni, conclude lo studio, sono un indicatore chiaro che bisogna agire sia nella riduzione di gas climalteranti ma allo stesso tempo trovare le soluzioni affinché la viticultura, e in generale l'agricoltura, si possa adattare ai cambiamenti climatici.

(REGFLASH)

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Giunta Regionale

Potrebbero interessarti

Al via l’iter virtuoso dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Enrico Di Giuseppantonio, che per tutto l’anno 2020 interesserà le attività di ristorazione che potranno vendere, per l’utilizzo esterno ai locali, solo materiale biodegradabile, a tutela dell'ambiente.

La Stazione Ornitologica Abruzzese,citata come contro-interessata, annuncia che si costituirà per sostenere la legittimità della decisione contraria alla realizzazione di una nuova discarica da 480.000 mc da parte del privato.

Bene ordinanze di alcuni sindaci per i divieti di fine anno ma servono controlli e azioni strutturali come il Regolamento Comunale di Chieti che li vieta tutto l'anno.

L'istituto scolastico è stato interessato da lavori, per un importo complessivo di 108 mila euro, di cui 100 mila finanziati dalla Regione Abruzzo attraverso il bando POR FESR ABRUZZO 2014-2020