Domenica 27 Settembre 2020

Ecologia e Ambiente

Cop25, cambiamenti climatici anticipano in Abruzzo vendemmia

05/12/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Cop25, cambiamenti climatici anticipano in Abruzzo vendemmia

L'agricoltura è uno dei termometri più eclatanti dei cambiamenti climatici che sono in atto: secondo una ricerca dell'Università "Gabriele D'Annunzio" genera un anticipo delle attività vegetative con gravi ripercussioni sulla qualità e sulla quantità dei raccolti.

La ricerca è stata presentata oggi al Cop25 di Madrid, la Conferenza sui cambiamenti climatici. Lo studio, illustrato dal prof. Piero Di Carlo, docente di fisica dell'atmosfera e clima, prende in esame l'anticipo della data di inizio della vendemmia nel calendario vitivinicolo. I dati sono stati raccolti seguendo l'andamento del ciclo produttivo della Cantina Valentini di Loreto Aprutino (Pescara), a partire dal 1817. All'inizio, come raccontano i dati, l'uva veniva raccolta a metà ottobre, oggi invece la vendemmia è anticipata a fine agosto. «A causa dell'incremento della temperatura, l'inizio della vendemmia nell'area vestina è anticipata di circa 6 giorni per ogni grado di aumento della temperatura - ha spiegato il professor Piero Di Carlo -. Un altro fenomeno che contribuisce all'anticipo della vendemmia è l'aumento delle precipitazioni intense, come ad esempio le 'bombe d'acqua', poiché in questi eventi l'acqua viene dispersa e non accumulata nel suolo». Queste osservazioni, conclude lo studio, sono un indicatore chiaro che bisogna agire sia nella riduzione di gas climalteranti ma allo stesso tempo trovare le soluzioni affinché la viticultura, e in generale l'agricoltura, si possa adattare ai cambiamenti climatici.

(REGFLASH)

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Giunta Regionale

Potrebbero interessarti

Il presidente della Ecolan Massimo Ranieri esprime grande soddisfazione per la risposta positiva da parte dei cittadini al progetto promosso dalla società in house e dal comune di Lanciano.

Valerio De Vincetiis: il Polo impiantistico C.I.V.E.T.A. non versa assolutamente in uno stato di abbandono e non è, nella maniera più assoluta, territorio di conquista.

- In merito al progetto di fusione tra la società frentana Ecolan Spa e il Consorzio Intercomunale del vastese Civeta, rilanciato oggi dal Presidente Ranieri, si ritiene di precisare che «tale ipotesi, seppure apprezzabile e meritevole di approfondimento - spiega l’assessore Nicola Campitelli - al momento non è stata vagliata e definita dal Governo regionale, né dai consiglieri del territorio».

L’eco parco pubblico è uno spazio concepito per ospitare sistemi di ultima generazione per il conferimento dei rifiuti o per l’erogazione di acqua microfiltrata e detersivo biologico, ma è anche un’area urbana restituita alla città e ai cittadini in un’ottica di ri-democratizzazione degli spazi dove i servizi offerti alla comunità si uniscono anche al benessere, al relax, all’interazione sociale.