Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Viola il divieto di avvicinamento alla moglie, arrestato dai Carabinieri di Chieti

29/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Viola il divieto di avvicinamento alla moglie, arrestato dai Carabinieri di Chieti

Continuava ad avvicinare la moglie con ogni pretesto possibile, affibbiandole epiteti irripetibili anche in presenza della figlia e lasciandole biglietti di insulti sul posto di lavoro, D.C.C. un 59enne di Chieti, anche dopo che il Tribunale teatino gli aveva inflitto un sonoro divieto di avvicinamento in seguito alla prima denuncia della donna, presentata alla Stazione Carabinieri di Chieti Scalo quest’estate.

Addirittura, dopo la sentenza di separazione, quando la vittima è andata all’appartamento prima condiviso col marito, naturalmente accompagnata, per riprendere gli effetti personali, lui le ha fatto trovare i muri tappezzati con biglietti di insulti; non contento l’ha persino aggredita con calci e pugni facendola finire in ospedale, non mancando di inviarle un sms per sollecitare un ultimo incontro chiarificatore. La donna non ci ha pensato un attimo ed ha presentato un’ulteriore denuncia consentendo ai carabinieri di richiedere l’arresto dell’uomo eseguito ieri pomeriggio, su ordinanza di custodia cautelare a firma del Dott. Guido Campli. Il 59enne teatino è quindi stato condotto presso la propria abitazione dalla quale non potrà comunicare con persone diverse da eventuali conviventi con qualsiasi mezzo.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nessun nuovo decesso rispetto a ieri, 140 dimessi guariti in 24 ore. In Abruzzo i positivi sono attualmente 909

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri