Mercoledì 20 Gennaio 2021

Cronaca

Trovato con 200 gr di cocaina, la squadra mobile arresta 36enne di Vasto

09/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Trovato con 200 gr di cocaina, la squadra mobile arresta 36enne di Vasto

Era ai domiciliari sempre per reati legati alla droga ma aveva il permesso di assentarsi e quindi continuava a spacciare droga

Nell'ambito dei servizi di controllo del territorio, che sono stati intensificati per ordine del Questore di Chieti, volti contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti della IV sezione narcotici della Squadra Mobile di Vasto hanno arrestato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 36enne di Vasto già noto alle forze dell'ordine per reati legati alla droga per i quali era sottoposto alla misura detentiva alternativa degli agli arresti domiciliari, con permesso di assentarsi. L'uomo è stato fermato dagli agenti mentre stava rientrando nella sua abitazione ed alla vista della polzia ha assunto un atteggiamento di evidente nervovismo, è per questo che le forze dell'ordine hanno deciso di sottoporlo a perquisizione personale trovando celato in una tasca del giubbino un involucro contenente droga, in particolare cocaina, del peso di 200 grammi. La quadra mobile ha quindi tratto in arresto il 36enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e lo ha associato al carcere di Vasto.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.

I titolari dei locali hanno ricevuto anche sanzioni amministrative per 400 euro.

Nove i nuovi decessi. Gli attualmente positivi scendono di 336 unità rispetto a ieri.