Giovedì 22 Febbraio 2024

Cronaca

Sventato un nuovo tentativo di introdurre droga e telefoni cellulari nel carcere di Teramo

07/12/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Sventato un nuovo tentativo di introdurre droga e telefoni cellulari nel carcere di Teramo

Il secondo caso in pochi giorni. Lo comunica il Sappe che chiede soluzioni drastiche e auspica l'intervento dell'amministrazione penitenziaria

Cocaina e hashish, nascosti nelle parti intime, da far entrare in carcere. E' quanto hanno scoperto gli agenti della Polizia Penitenziaria addosso a una 28enne che aveva raggiunto la Casa circondariale di TERAMO per un colloquio con il convivente. La donna è stata fermata e denunciata, mentre l'uomo, una volta saputo quanto accaduto, ha devastato diversi arredi della Sezione in cui è ristretto, tentando anche di aggredire gli agenti. A darne notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe). Lo stesso sindacato fa sapere che la Polizia Penitenziaria ha scoperto e sequestrato anche un telefono cellulare, perfettamente funzionante, nella cella di un altro detenuto ristretto a Castrogno.

"La pur significativa carenza organica del penitenziario di TERAMO - commenta il segretario generale del Sappe, Donato Capece - viene colmata dalla grande professionalità degli uomini e delle donne della Polizia Penitenziaria, che hanno posto in essere queste operazioni di polizia che hanno portato frutti, assicurando alla legge la punibilità dei reclusi che continuano a commettere reati anche nelle condizioni di detenzione".

"La Polizia Penitenziaria è quotidianamente impegnata nell'attività di contrasto all'introduzione di telefoni cellulari ed alla diffusione della droga nei penitenziari per adulti e minori. Nonostante la previsione di reato prevista dal art. 391 ter del Codice penale per l'ingresso e detenzione illecita di telefonini nelle carceri, con pene severe che vanno da 1 a 4 anni, il fenomeno non sembra ancora attenuarsi. Vanno adottate soluzioni drastiche, come la schermatura delle Sezioni detentive e degli spazi nei quali sono presenti detenuti all'uso dei telefoni cellulari e degli smartphone". Per il Sappe è "ormai indifferibile adottare tutti quegli interventi che mettano in grado la Polizia Penitenziaria di contrastare la rapida innovazione tecnologica e la continua miniaturizzazione degli apparecchi". In tal senso Capece auspica "un intervento dei vertici dell'Amministrazione Penitenziaria".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Teramo

Potrebbero interessarti

I fatti risalgono al periodo 2016-2021. Secondo l'accusa, da quando la vittima aveva solo 14 anni.

I destinatari dei provvedimenti, appartenenti alla cerchia relazionale virtuale del citato cittadino tunisino, risultano usuari di profili social con contenuti tipici degli ambienti dell’estremismo di matrice confessionale

I carabinieri della compagnia di Atessa le hanno notificato il provvedimento che le impedisce di tornare nel comune di Archi per 4 anni

I militari del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno individuato due distinti siti contigui nel comune di Città Sant’Angelo dove erano presenti un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi e una carrozzeria completamente abusiva.