Domenica 21 Aprile 2024

Cronaca

Scoperta dai carabinieri truffa del reddito di cittadinanza nel Teramano, 186 denunciati per un milione di euro di indebita percezione

07/08/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Scoperta dai carabinieri truffa del reddito di cittadinanza nel Teramano, 186 denunciati per un milione di euro di indebita percezione

Operazione dei Carabinieri smaschera un ingente danno all'erario: false dichiarazioni per ottenere il beneficio senza requisiti.

Nell'ambito di un'operazione condotta dai Carabinieri del comando provinciale di Teramo, ben 186 individui sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Teramo per indebita percezione del reddito di cittadinanza.

La frode ha causato un danno complessivo superiore a un milione di euro nei confronti dell'erario pubblico. L'attività investigativa, orchestrata con coordinamento a livello provinciale dal reparto operativo e condotta con precisione dalle singole stazioni Carabinieri in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo Investigativo Lavoro (NI.L.) di Teramo, ha portato alla luce un intricato sistema di frode che ha coinvolto numerosi beneficiari del reddito di cittadinanza.

Attraverso controlli accurati e incroci di dati con gli uffici delle anagrafi comunali e l'Inps, è emerso che le 186 persone coinvolte avevano intenzionalmente presentato false dichiarazioni al fine di ottenere il reddito di cittadinanza, anche quando non soddisfacevano i requisiti richiesti dalla legge per accedere a tale beneficio sociale. L'operazione ha permesso di smascherare una truffa su larga scala che ha comportato non solo un grave danno finanziario per le casse pubbliche, ma ha anche minato la fiducia nel sistema di sostegno sociale. 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila ha confermato la sentenza di ergastolo per Alessandro Chiarelli, un 31enne di Popoli (Pescara), accusato di aver ucciso con 17 coltellate il suo amico e vicino di casa, Fulvio Declerch, 54 anni, e di aver gettato il suo cadavere nel fiume Pescara.

Nella mattinata odierna il sindaco Diego Ferrara ha firmato una nuova ordinanza di interdizione e a tutela dell’incolumità pubblica, a causa del dissesto idrogeologico. L’atto riguarda il Condominio Bella Dormiente situato in via don Giovanni Minzoni.

Oggi, in Corte d'Assise a Lanciano, Francesco Rotunno, 65 anni, ha testimoniato riguardo al tragico evento che ha portato alla morte della madre, Cesira Bambina Damiani, 88 anni, avvenuto il 12 febbraio 2023 nella loro casa a Casoli (Chieti). Rotunno è accusato di aver strangolato la madre.

Fim, Fiom e Fismic esprimono un giudizio negativo su quanto emerso nel confronto di oggi al ministero a Roma