Lunedì 27 Gennaio 2020

Cronaca

San Vito Chietino: evade dai domiciliari, arrestato dai carabinieri

03/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
San Vito Chietino: evade dai domiciliari, arrestato dai carabinieri

L’uomo, tratto in arresto per evasione, è stato condotto in mattinata dinanzi al G.I.P. presso il Tribunale di Lanciano, il quale ha convalidato l’arresto e ripristinato la misura della detenzione domiciliare, in attesa delle successive determinazioni che, alla luce della violazione commessa, potrebbero aggravare la misura in atto.

Quando è stato fermato ieri mattina dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ortona a bordo di un’autovettura condotta da un suo amico lungo la Statale Adriatica a San Vito Marina, D.P., 46enne di Lanciano, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e stupefacenti, attualmente sottoposto alla detenzione domiciliare nell’abitazione di residenza per una condanna a 3 anni di reclusione per un furto in abitazione commesso nel 2017, ha tentato di giustificare il suo allontanamento da casa con la necessità di doversi recare presso il S.E.R.T. di Lanciano. Ma né il luogo né l’orario e il giorno di permesso per assolvere a tale necessità corrispondevano a quanto autorizzato dal Magistrato che aveva disposto due anni fa la misura detentiva. L’uomo, quindi, tratto in arresto per evasione, è stato condotto nella mattinata odierna dinanzi al G.I.P. presso il Tribunale di Lanciano, il quale ha convalidato l’arresto e ripristinato la misura della detenzione domiciliare, in attesa delle successive determinazioni che, alla luce della violazione commessa, potrebbero aggravare la misura in atto.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'uomo, di origini albanesi, deve scontare una pena per aver partecipato ad una spedizione punitiva avvenuta nel 2012.

L'uomo sembra volesse sfuggire all'obbligo di mantenimento dell'ex consorte.

Sequestrati prodotti di marchi molto noti, risultati di "ottima fattura". Denunciato un macedone.

Con l’inizio della stagione sciistica, nei comprensori di Roccaraso, Pescocostanzo, Ovindoli, Rocca di Mezzo e Campo Imperatore, i carabinieri sciatori del Comando Provinciale di L’Aquila hanno ripreso l’attività di vigilanza e soccorso sulle piste presidiando i punti di partenza e di arrivo degli impianti di risalita.