Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Rotary Club Lanciano per l'ospedale di Lanciano, raccolta fondi per completare una postazione di terapia intensiva

24/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Rotary Club Lanciano per l'ospedale di Lanciano, raccolta fondi per completare una postazione di terapia intensiva

Il Rotary Club di Lanciano in prima linea accanto all'ospedale "Renzetti" per fronteggiare l'emergenza Coronavirus.

Un monitor multiparametrico per la Rianimazione dell'ospedale di Lanciano già acquistato e finanziato con fondi propri per 14 mila euro. E una una raccolta fondi avviata per un progetto ancora più ambizioso: completare una postazione di Terapia intensiva con letto dedicato e ventilatore polmonare. Questo l'impegno del Rotary Club di Lanciano, presieduto da Alberto D'Alessandro, per essere di supporto al "Renzetti" in un momento assai faticoso per la Sanità pubblica, alle prese con l'emergenza Coronavirus. Il monitor sarà consegnato fra qualche giorno, mentre la seconda parte del progetto richiede un investimento più consistente per raggiungere la somma di 38 mila euro. A tal fine è stata avviata una raccolta con un'azione di crowdfunding, un sistema che attraverso i social network e internet offre l'opportunità di mettere insieme fondi finalizzati a un preciso obiettivo. E' stata utilizzata la piattaforma Gofundme, sulla quale è stata lanciata la campagna "Il Rotary Lanciano per l'ospedale".

* Dona con carta di credito su https://www.gofundme.com/f/il-rotary-lanciano-per-l039ospedale

* Oppure con bonifico IBAN IT33N0538777750000002229568 presso BPER Banca Intestato a Rotary Club Lanciano
Causale "Raccolta fondi terapia intensiva ospedale di Lanciano"

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Tcm Group

Potrebbero interessarti

Si registra un'importante adesione della cittadinanza alla campagna anticovid sul territorio del chietino

Lo prevede l'ordinanza firmata nella serata di sabato dal governatore Marco Marsilio.

La vittima, una donna di nazionalità romena, da tempo veniva vessata ed aggredita dal suo ex fino a dover ricorrere ad un centro antiviolenza.

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.