Venerdì 13 Dicembre 2019

Cronaca

Ritrovato senza vita il corpo del giovane disperso sul Gran Sasso

01/12/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Ritrovato senza vita il corpo del giovane disperso sul Gran Sasso

Il corpo senza vita di Matteo Martellini di Città Sant'Angelo, disperso da 36 ore sul Gran Sasso, è stato ritrovato da una squadra di tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo sul versante Sud-Ovest del monte Camicia, in un piccolo canale parallelo al sentiero del Centenario a 2200 m s.l.m.

È stato trovato privo di vita in un crepaccio Matteo Martellini, il 37enne di Città Sant'Angelo disperso da venerdi scorso  sul Gran Sasso. A trovarlo con il supporto della squadra da terra e del tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico, l'elicottero del 118 dell'Aquila che stanno  provvedendo al recupero della salma che verrà elitrasportata all'obitorio dell'ospedale San Salvatore. Presente sul luogo anche il sindaco di Città Sant'Angelo, che dal centro di coordinamento di Campo Imperatore, sta seguendo da questa mattina le operazioni di ricerca e recupero. Matteo era un grande sportivo, amante della montagna e della natura. La notizia della sua morte ha sconvolto l'intera città e tutti suoi amici e conoscenti. Immenso il dolore della famiglia che da venerdi era in pena e sperava che fosse salvo, purtoppo il triste epilogo. 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

il colpo è avvenuto questa sera intorno alle 18.30. I banditi, avrebbero anche malmenato la proprietaria facendosi consegnare tutti i gioielli della cassaforte.

Operazione congiunta delle forze dell'ordine. Un plauso arriva dall'assessore comunale con delega alla Polizia Locale Luigi Marcello.

Il Generale di Brigata Gianluigi D’Alfonso, Comandante Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza, nella odierna mattinata ha visitato il Comando Provinciale di Pescara e i Reparti dipendenti.

42 operatori di Polizia Ferroviaria del Compartimento Polfer per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo impiegati, 65 persone identificate, 25 controlli a depositi di materiale ferroso, 5 pattuglie automontate dislocate lungo le tratte ferroviarie nelle zone più sensibili