Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Pescara, incendia cassonetti dei rifiuti, la Polizia di Stato denuncia 19enne pescarese

23/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, incendia cassonetti dei rifiuti, la Polizia di Stato denuncia 19enne pescarese

Inchiodato grazie alla segnalazioni di alcuni cittadini e alle immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Nella nottata di ieri un giovane pescarese ha dato alle fiamme 7 cestini e 3 cassonetti porta rifiuti provocando anche la distruzione di sterpaglie su una scarpata. L.V. di 19 anni, è stato denunciato in stato di libertà dalla Polizia di Stato con l'accusa di danneggiamento seguito da incendio. Gli agenti della Squadra Volante sono risaliti all'identità dell'uomo grazie alla segnalazione di due cittadini che hanno dato una precisa descrizione del giovane e indicazioni sulla direzione di fuga. Gli incendi, alcuni alti oltre tre metri, sono stati spenti grazie all'immediato intervento dei Vigili del Fuoco che hanno scongiurato una possibile estensione.

Nel frattempo sono state acquisite le immagini delle telecamere di videosorveglianza pubblica e privata della zona dalle quali si vede che l’autore degli incendi, camminando a piedi, ha di volta in volta dato fuoco con un accendino, ai cestini dei rifiuti e ai cassonetti che ha incontrato lungo il percorso.Il giovane pescarese è stato fermato, durante le ricerche per il suo rintraccio, in zona ospedale, con indosso gli stessi abiti descritti dal cittadino che ha segnalato l’accaduto. Il 19enne, che risulta incensurato si è mostrato moto ansioso, ed ha spiegato agli agenti di aver voluto provare il nuovo accendino, e di essere dispiaciuto per il gesto compiuto.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.