Lunedì 14 Ottobre 2019

Cronaca

Ortona, multe agli esercizi pubblici e un arresto. Vasta operazione dei carabinieri

20/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Ortona, multe agli esercizi pubblici e un arresto. Vasta operazione dei carabinieri

Più di 100 le persone controllate, tra cui diversi pregiudicati e numerosi soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, alcuni istituti scolastici e diversi esercizi pubblici ispezionati con l’ausilio dei cani antidroga e del personale specializzato.

Ha visto impegnati 30 militari dell’Arma, tra cui un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Chieti, personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Chieti e del N.A.S. di Pescara, la vasta operazione di controllo del territorio messa in atto ieri mattina dai Carabinieri del Comando Compagnia di Ortona per garantire ai cittadini una maggiore percezione di sicurezza e arginare tutte quelle forme di devianza giovanile che coinvolgono in particolare il mondo degli studenti. Più di 100 le persone controllate, tra cui diversi pregiudicati e numerosi soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, alcuni istituti scolastici e diversi esercizi pubblici ispezionati con l’ausilio dei cani antidroga e del personale specializzato. I militari hanno infatti presidiato sin dalle primissime ore del mattino la Stazione Ferroviaria di Ortona, i terminal bus e le principali vie di accesso agli istituti scolastici di Ortona, nonché ispezionato due scuole superiori durante l’orario di lezione per prevenire l’ormai diffusa “moda” dell’uso di stupefacenti tra giovani e giovanissimi studenti. I controlli, molto apprezzati da dirigenti scolastici e docenti, hanno avuto fortunatamente esito negativo. Contemporaneamente, sono stati controllati bar e sale giochi ubicati in prossimità di scuole medie e istituti superiori per verificare il rispetto della normativa in materia di vendita di alcolici ai minori, sul fumo nei locali pubblici e sulla corretta istallazione di videogiochi e slot-machine. In uno di questi, i militari dell’Ispettorato del Lavoro e del N.A.S. hanno contestato diverse sanzioni amministrative per alcune migliaia di euro per il mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie sulla conservazione e somministrazione degli alimenti, sui requisiti dei locali per fumatori e sull’installazione di videocamere nei luoghi di lavoro. Verifiche anche tra i banchi del mercato cittadino per il contrasto al commercio illegale e alla contraffazione. Presidiate, inoltre, alcune strutture comunali e parchi pubblici di Ortona oggetto, negli ultimi giorni, di diversi atti vandalici per i quali i militari dell’Arma hanno già acquisito le immagini dei sistemi di video-sorveglianza. Infine, l’attività di controllo ha riguardato i numerosi pregiudicati del territorio sottoposti ad arresti domiciliari, detenzione domiciliare, misure di prevenzione o, comunque, gravati da misure limitative della libertà personale. E proprio in uno di questi controlli è “incappato” G.S., 44enne pregiudicato di Miglianico, già “affidato in prova ai servizi sociali”, a carico del quale è risultato pendere un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura di Chieti dovendo espiare una condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi di reclusione per vecchi reati contro il patrimonio. Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato associato al carcere di Chieti.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Ortona Carabinieri

Potrebbero interessarti

La presidente Marilena Andreani e l’Assessore alle Pari Opportunità Lidia Albani - "Le leggi oggi ci sono ma non bastano. E’ necessaria una grande rivoluzione culturale che parta dai giovani" -

Cercano di raggirare un anziano i carabinieri di Vasto le colgono in flagranza di reato e le arrestano

Si è svolta questa mattina un’operazione congiunta della polizia locale, guidata dal comandante Nicolino Casale e dei Carabinieri di Montesilvano.

E’ stato domato solo stamane alle 12, grazie al duro lavoro durato tutta la notte, di ben 20 uomini del comando vigili del fuoco di chieti, con l’ausilio di 7 mezzi, un vasto incendio, divampato la notte scorsa intorno all’una e trenta in una fabbrica tessile di Casacanditella, in provincia di Chieti