Venerdì 24 Maggio 2024

Cronaca

NAS PESCARA: “SETTIMANE BIANCHE” E SICUREZZA ALIMENTARE: SEQUESTRATI 7 QUINTALI DI ALIMENTI IN CATTIVO STATO CONSERVAZIONE

23/01/2015 - Redazione AbruzzoinVideo

Il N.A.S. di Pescara, nell'ambito di predisposti servizi di controllo tesi a garantire la sicurezza alimentare dei turisti in “settimana bianca”, con il supporto delle Compagnie Carabinieri di Castel di Sangro, Avezzano e L’Aquila e delle motoslitte in “servizio piste” delle Stazioni Carabinieri, ha eseguito diverse ispezioni nei punti ristoro e baite di montagna delle principali località sciistiche abruzzesi della provincia aquilana.

I Carabinieri hanno ispezionato 22 esercizi di ristorazione, riscontrando in 15 siti (75%) gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali ed accertato 16 violazioni alla normativa sull’igiene degli alimenti con sanzioni amministrative per 25.000 euro. A seguito dei controlli le autorità sanitarie hanno disposto la chiusura di tre depositi alimentari per assenza delle autorizzazioni e dei requisiti richiesti.

Inoltre nel corso dei vari servizi, che hanno visto l’impiego di 10 squadre del NAS abruzzese e 8 militari dell’Arma territoriale, sono stati sequestrati 3 quintali di prodotti carnei, non tracciati e sottoposti a scongelamento e lavorazioni non adeguate, nonché di pasta e conserve scadute di validità, in alcuni casi anche da due anni, sughi privi di tracciabilità e liquori preparati artigianalmente in carenti condizioni igieniche. Infine in alcune pizzerie sono stati trovati e sequestrati 4 quintali di pasta per pizza lasciata lievitare in sacchetti non idonei all’alimentazione

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Maxi operazione della Guardia di Finanza su tutto il territorio nazionale

L'iniziativa rientra in un ampio progetto che si inserisce nell'offerta formativa della scuola e si rivolge agli studenti delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado.

Il valore delle auto rubate dai tre, tra dicembre 2023 e aprile scorso, ammonta a circa 300 mila euro

La somministrazione di tartufo durante il periodo di divieto, specialmente se immaturo o di bassa qualità, può facilitare frodi lucrose nella fase di trasformazione e commercializzazione del prodotto.