Marted 22 Giugno 2021

Cronaca

Le installazioni degli artisti di ARTEPARCO, Marcantonio e Alessandro Pavone, tornano ad essere visibili grazie ad un intervento di cura dopo gli atti vandalici subiti nelle scorse settimane

23/05/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Le installazioni degli artisti di ARTEPARCO,  Marcantonio e Alessandro Pavone,  tornano ad essere visibili grazie ad un intervento di cura dopo gli atti vandalici subiti nelle scorse settimane

Gli artisti Marcantonio e Alessandro Pavone sono stati protagonisti di un intervento di cura e ripristino delle opere da loro immaginate per il progetto ARTEPARCO e vandalizzate nelle scorse settimane.

Nato nel 2018 con la volontà di portare l’arte contemporanea all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, uno dei luoghi naturalistici più antichi e suggestivi d’Italia, il progetto ARTEPARCO in tre anni ha dato origine a un vero e proprio percorso d’arte nella natura – le opere sono visibili percorrendo i sentieri C1 e C2 di Pescasseroli (AQ) – che permette di fruire dell’arte contemporanea fuori dai circuiti istituzionali in un’ottica di valorizzazione e salvaguardia del territorio.

Grazie al supporto degli artisti e al sostegno della comunità del territorio di Pescasseroli, con un atto concreto e collettivo sono state ripristinate, dopo un atto vandalico (leggi qui), le opere Animale Vegetale (Il Cuore) di Marcantonio e Un tempo è stato di Alessandro Pavone, divenute parte integrante del patrimonio culturale del parco e dei tanti ospiti che lo visitano.

Nella foto Alessandro Pavone

Fin dalla prima edizione il progetto ha infatti attirato un turismo trasversale in un connubio organico tra creazione artistica e natura che permette ai visitatori di vivere una duplice esperienza a metà strada tra una passeggiata nella natura e una visita in un museo.

Nella foto Marcantonio

Dopo gli interventi di Marcantonio (2018), Matteo Fato (2019) e Alessandro Pavone (2020), anche quest’anno sarà invitato un artista a confrontarsi con le Foreste Vetuste del Parco, dichiarate nel 2017 Patrimonio dell’Unesco. La quarta installazione, in dialogo con la natura e l’unicità del Parco, sarà inaugurata sabato 31 luglio 2021.


IL PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, LAZIO E MOLISE
Il Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, costituito su iniziativa privata nel 1922 e istituito per decreto regio nel 1923, è il più antico d’Italia e uno dei più antichi d’Europa, uno dei migliori esempi mondiali di conservazione di flora e fauna.
Montagne e valli selvagge, foreste, praterie, fiumi, torrenti, laghi e un clima relativamente temperato durante tutto l’anno fanno del PNALM un ambiente ideale per numerose specie vegetali e animali; tra queste ultime ce ne sono alcune, rare e misteriose, come l’orso bruno marsicano e il camoscio appenninico, che talvolta, seppur da lontano e solamente per pochi preziosi secondi, è possibile osservare. In ogni caso, visitare il Parco e sentire il fascino della presenza di questi animali, o scoprire i segni del loro recente passaggio, anche senza incontrarli direttamente, è sempre un’esperienza meravigliosa che fa provare emozioni inconsuete. Nel 2017 le Foreste Vetuste che lo popolano sono diventate Patrimonio dell’Unesco.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La Asl Lanciano Vasto Chieti mette a disposizione 12mila vaccini da inoculare entro il 1 luglio

Prevede un'intensa e capillare attività da parte della Guardia Costiera di Pescara con l'impiego di 54, tra uomini e donne, 12 unità navali e 13 mezzi a terra, con l'obiettivo di diffondere la cultura della responsabilità e della prevenzione in mare.

Saranno somministrate 210 dosi di vaccino ai cittadini già prenotati e residenti anche nei Comuni limitrofi di Rocca San Giovanni, Mozzagrogna e Santa Maria Imbaro