Marted 21 Gennaio 2020

Cronaca

Lanciano, arrestato uno dei presunti autori della rapina alla gioielleria Carabba

10/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, arrestato uno dei presunti autori della rapina alla gioielleria Carabba

Il colpo messo a segno ai danni dell' Antica gioielleria l’11 dicembre aveva fruttato un bottino di oltre 100mila euro.

Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lanciano hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un pregiudicato residente nel pescarese. L’uomo, unitamente ad altri due complici tra i quali una donna, l’11 dicembre scorso aveva fatto irruzione all’interno della gioielleria Carabba,in Piazza Plebiscito e dopo aver colpito, immobilizzata e chiusa in bagno la proprietaria, era fuggito insieme ai complici, con un bottino di oltre 100.000.000 euro consistente in gioielli di vario genere. Le tempestive indagini attivate dai militari della Compagnia di Lanciano, diretta dal Capitano Vincenzo Orlando, avevano da subito preso una giusta direzione grazie ad alcune immagini, estrapolate da più telecamere installate vicino ad attività commerciali site nei pressi della gioielleria, le quali permettavano, oltre che una ricostruzione temporale dell’accaduto, anche la possibilità di estrapolare la foto di uno dei soggetti che è stata, quindi, immediatamente diramata a livello nazionale. Il giorno successivo alla rapina, una pattuglia dei Carabinieri in servizio perlustrativo in un quartiere di Roma,notava il soggetto in questione che si aggirava con fare sospetto in quella zona con a seguito una busta che stringeva sotto il braccio. All’atto del controllo, l’uomo cercando di fuggire, opponeva resistenza ai militari e veniva tratto in arresto per resistenza.



Nella circostanza i Carabinieri rinvenivano nella busta diversi ornamenti preziosi che sono stati quindi sequestrati poiché ritenuti di sospetta provenienza. La successiva attività incrociata svolta insieme ai colleghi della Capitale permetteva quindi di raccogliere dei chiari e precisi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo. Infatti, i vari monili rinvenuti in suo possesso sono stati immediatamente riconosciuti dalla titolare della gioielleria rapinata. Le ulteriori e tempestive indagini condotte dai militari del NOR di Lanciano, su disposizione del Sostituto Procuratore Dr. Francesco CArusi, accertavano che l’uomo, Elix Lazzari, 48enne e domiciliato a Pescara, soggetto recluso presso il carcere di Pescara e sottoposto a regime di semilibertà per motivi di lavoro(trattasi di giostrai), effettivamente il giorno della rapina si trovava a Lanciano e più volte la sua posizione è stata rilevata nei pressi dell’obiettivo rapinato.



L’otto gennaio scorso il GIP presso il Tribunale di Lanciano Dr. Massimo Canosa, riconoscendo la sussistenza delle esigenze cautelari persistendoil pericolo di recidiva criminosa e stante la gravità del reato e la pericolosità del soggetto, emetteva specifica ordinanza di custodia cautelare che, nella mattinata odierna, è stata notificata al Lazzari presso il Carcere di Pescara ove si trovava ristretto. Le verifiche dei Carabinieri, altresì, hanno ricondotto la ragione della presenza dell’uomo nella Capitale nel fine di poter “piazzare” la merce rapinata a Lanciano, verosimilmente presso alcune famiglie Rom residenti a Roma. Il valore dei monili recuperati e riconosciuti dalla vittima si aggira intorno ai 30.000 euro. Le indagini sono ovviamente ancora in corso al fine di risalire anche agli altri complici della rapina.

 

 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Carabinieri Rapine

Potrebbero interessarti

Indelebile il ricordo di quel dramma con il dolore delle persone che hanno perso i propri cari e che chiedono ancora giustizia.

I carabinieri del nucleo antisofisticazioni hanno provveduto al sequestro di prodotti della filiera del latte e hanno sospeso alcune attività per carenze iginico sanitarie.

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.