Domenica 19 Gennaio 2020

Cronaca

La Polizia di Stato arresta pregiudicato pescarese. Deve scontare 14 anni di carcere.

19/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
La Polizia di Stato arresta pregiudicato pescarese. Deve scontare 14 anni di carcere.

Nel pomeriggio di ieri la Polizia di Stato ha tratto in arresto S.G, 46 anni, di Pescara, destinatario di ordine di carcerazione, dovendo scontare 14 anni e 4 mesi di reclusione.

La Procura della Repubblica di Pescara, nel citato provvedimento, ha dato esecuzione a diverse sentenze di condanna divenute definitive, che lo hanno ritenuto colpevole di maltrattamenti in famiglia, lesioni, violazioni alla normativa sugli stupefacenti e violenza sessuale aggravata. Solo per quest’ultimo reato, commesso nel 2012, l’uomo era stato condannato dal Tribunale di Pescara, nell’ottobre del 2018, ad 8 anni di reclusione, nonché alla interdizione perpetua dai pubblici uffici. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Pescara, hanno fatto luce su una violenza sessuale ai danni di una minorenne di cui S.G. si era reso responsabile. L’uomo, è stato rintracciato nella giornata di ieri presso la sua abitazione nel quartiere “rancitelli” dagli agenti della Squadra Mobile, si trova ora ristretto presso il carcere di San Donato.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

La famiglia rom, che era stata sgomberata a novembre per occupazione abusiva dell'alloggio popolare, stava tentando di riappropriarsi dell'abitazione.