Giovedì 20 Giugno 2024

Cronaca

Incendio di un treno in galleria, conclusa alle 4.00 la maxi-simulazione alla stazione San Vito Lanciano

19/05/2024 - Redazione AbruzzoinVideo

L'esercitazione, organizzata da RFI e TUA, ha coinvolto oltre 100 persone e ha visto la partecipazione di numerose istituzioni e servizi di emergenza

Si è conclusa alle 4.00 di questa mattina una complessa simulazione di emergenza ferroviaria alla stazione di San Vito-Lanciano, organizzata da Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e la società di trasporto regionale d'Abruzzo Tua.

L'esercitazione ha coinvolto oltre 100 persone e ha visto la partecipazione di numerose istituzioni e servizi di emergenza, tra cui la Prefettura di Chieti, i Vigili del Fuoco, il servizio sanitario del 118, la Polizia Ferroviaria, il comune di San Vito Chietino, il NUE, Numero Unico emergenze 112 Abruzzo, la Protezione Civile abruzzese e le forze dell’ordine.

L'obiettivo principale di questa maxi esercitazione era testare e valutare il processo di gestione delle emergenze in caso di incidente ferroviario in galleria. La stazione di San Vito-Lanciano è stata scelta come centro nevralgico per questo scenario incidentale. Tale esercitazione è stata inserita nel Piano Annuale delle attività esercitative del Gruppo FSI e nel Sistema di Gestione di Sicurezza dell’impresa ferroviaria Tua, conformemente alle normative vigenti per gallerie di lunghezza superiore ai 5000 metri.

Enrico Dolfi, direttore della divisione ferroviaria della Tua, ha sottolineato l'importanza di testare regolarmente i provvedimenti per le emergenze in collaborazione con tutte le parti interessate e di aggiornarli secondo necessità.

Il cuore della simulazione ha riguardato il treno regionale TUA 23939, un ETR 104 Alstom dedicato a Gabriele D’Annunzio. L’incidente simulato prevedeva un'avaria tecnica dovuta al malfunzionamento di un carrello frenante della prima vettura, che ha causato un principio di incendio. Il treno, fermatosi a circa 300 metri dall’imbocco nord della galleria San Giovanni (CH), ha lanciato una chiamata di emergenza. A bordo del treno si trovavano il macchinista, il capotreno e una trentina di passeggeri. Il macchinista, intossicato dal fumo, ha necessitato di assistenza immediata.

Il capotreno della Tua ha attivato le procedure di emergenza, mentre il DCO di RFI ha coordinato l’intervento dei soccorsi. L’esercitazione ha messo in luce la necessità di una coordinazione efficiente e rapida tra tutti gli attori coinvolti. I Vigili del Fuoco del comando provinciale di Chieti sono intervenuti con un mezzo bimodale, supportati dal personale del 118. La gestione della situazione all'interno della galleria ha richiesto circa tre ore, durante le quali sono stati affrontati numerosi aspetti legati alla sicurezza e al soccorso dei passeggeri. La maxi-simulazione si è rivelata un’importante opportunità per testare l’efficacia del sistema di gestione delle emergenze ferroviarie e per migliorare la collaborazione tra le diverse istituzioni e servizi coinvolti. Il successo dell’esercitazione ha dimostrato la prontezza della macchina dei soccorsi nell’affrontare scenari di emergenza complessi, garantendo la sicurezza dei passeggeri e del personale ferroviario.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nel fine settimana appena trascorso, la Polizia di Stato di L’Aquila ha intensificato i controlli stradali per contrastare l’eccessiva velocità e i comportamenti scorretti, specialmente da parte di numerosi motociclisti che, durante il periodo estivo, preferiscono le strade di montagna della provincia.

Tre giovani, due di origine egiziana e uno tunisino, sono stati trovati in possesso di circa 40 grammi di hashish e denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Il Col. Iadarola ha presentato l’inno ufficiale della fondazione, il brano “Non Avere Paura…Di Te”, una melodia composta, nella musica e nel testo ed interpretata live dallo stesso autore, l'Appuntato Giorgio Di Pietrantonio del Comando Provinciale Chieti.

Sequestrate piantagioni di cannabis coltivata in casa, pasticche di superdroga "blue punisher" e panetti di hashish e cocaina nascosti sul tetto