Lunedì 25 Maggio 2020

Cronaca

Coronavirus, da domani ok agli spostamenti tra Abruzzo e regioni limitrofe

22/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, da domani ok agli spostamenti tra Abruzzo e regioni limitrofe

Emesso nuovo decreto dal presidente della Regione Marco Marsilio

Il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, ha emanato un decreto inerente lo spostamento tra province confinanti di regioni diverse. Pertanto, a decorrere da domani, sabato 23 maggio 2020, previa comunicazione congiunta da parte dei Presidenti delle Regioni, dei Presidenti delle Province o dei Sindaci dei Comuni tra loro confinanti ai Prefetti competenti, sono consentiti gli spostamenti anche al di fuori della Regione Abruzzo, nei limiti della provincia o del comune confinante, da parte di coloro che risiedono in province o comuni collocati a confine tra l’Abruzzo e le altre Regioni. Le violazioni delle presenti disposizioni comportano l’applicazione della sanzione amministrativa del pagamento di una somma pari a euro 400,00, ai sensi dell’art. 4, comma 1, del decreto. Il decreto è in corso di pubblicazione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Soddisfazione di Fsp Polizia: “Non eravamo inopportuni a muoverci per la salute dei colleghi”

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1168, con una diminuzione di 11 unità rispetto a ieri.

I militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara, a seguito di missioni di volo e mirata attività di polizia giudiziaria per la tutela del patrimonio ambientale e controllo del territorio, hanno eseguito un intervento nel Comune di Crecchio (CH), individuando un’area con numerosi autoveicoli fuori uso e abbandonati sul terreno vegetale.

In Abruzzo, dall'inizio dell'emergenza, sono stati registrati 3220 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall'Istituto Zooprofilattico di Teramo, dall'Università di Chieti e dal laboratorio dell'ospedale dell'Aquila.