Lunedì 25 Maggio 2020

Cronaca

Castel di Sangro, minorenni rischiano la vita bloccati sulla Rocca

19/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Castel di Sangro, minorenni rischiano la vita bloccati sulla Rocca

Hanno 12 e 13 anni e sono incolumi, ma hanno rischiato molto i due minorenni di Castel di Sangro recuperati dall’elicottero del 118 poco prima del tramonto di ieri

Erano bloccati sulla roccia che sovrasta la città, con ai piedi uno strapiombo di 60 metri, raggiunto nel tentativo di tornare a casa dopo una gita al Castello. Il tecnico del Soccorso Alpino e Speleologico, dopo aver comunicato anche con la madre di uno dei due, li ha contattati telefonicamente per tranquillizzarli, e una volta sul target, li ha recuperati con il verricello. Sono stati proprio loro a dare l’allarme, con lo smartphone hanno chiesto aiuto al 118. Fortunatamente si sono presi solo un brutto spavento, uno dei due poco reattivo per il panico. A visitarli, prima di riconsegnarli ai genitori, ci ha pensato il sanitario a bordo dell’eliambulanza. Una volta sbarcati a Castel di Sangro ad attenderli c’erano i familiari con i Carabinieri del luogo, ma anche tanti concittadini che per la situazione si erano radunati al campo sportivo della città.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Soddisfazione di Fsp Polizia: “Non eravamo inopportuni a muoverci per la salute dei colleghi”

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1168, con una diminuzione di 11 unità rispetto a ieri.

I militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara, a seguito di missioni di volo e mirata attività di polizia giudiziaria per la tutela del patrimonio ambientale e controllo del territorio, hanno eseguito un intervento nel Comune di Crecchio (CH), individuando un’area con numerosi autoveicoli fuori uso e abbandonati sul terreno vegetale.

In Abruzzo, dall'inizio dell'emergenza, sono stati registrati 3220 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall'Istituto Zooprofilattico di Teramo, dall'Università di Chieti e dal laboratorio dell'ospedale dell'Aquila.