Mercoledì 06 Luglio 2022

Cronaca

Bimbo ucraino con diabete fugge dalla guerra, in cura nell’ospedale di Chieti

01/04/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Bimbo ucraino con diabete fugge dalla guerra, in cura nell’ospedale di Chieti

Il bimbo preso in carico dal servizio regionale di Diabetologia pediatrica dell’ospedale di Chieti, di cui è responsabile Stefano Tumini.

Un bambino ucraino con diabete di tipo 1, recentemente giunto in Abruzzo per la drammatica situazione nel suo Paese, è stato preso in carico dal servizio regionale di Diabetologia pediatrica dell’ospedale di Chieti, di cui è responsabile Stefano Tumini. Il piccolo effettua terapia insulinica basale - solo secondo i più moderni schemi utilizzando insulina lenta di ultima generazione. È inoltre fornito di sensore glicemico con il quale monitorizza costantemente i propri livelli di glucosio interstiziale. La dose di insulina viene adeguata secondo un algoritmo flessibile utilizzando il rapporto insulina/carboidrati e il fattore di sensibilità insulinica. Unico neo la necessità di cambiare app sullo smartphone per il calcolo dei carboidrati in quanto molti piatti italiani (specialmente pizza e pasta) di cui il bambino sembrerebbe “appassionato” non sono sempre presenti nelle app ucraine. «Di fronte a una così elevata capacità di autogestione - afferma Tumini - ci si rende conto ancora di più dell’assurdità della guerra che compromette la possibilità di potersi curare al meglio e in serenità anche se si è bambini».

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'uomo, utilizzando impropriamente le generalità di un professionista romano, ha tentato di raggirare i rappresentanti della società facendo credere loro di essere un professionista di esperienza trentennale.

1.015 nuovi casi, aumentano i ricoveri e si registrano 4 decessi.

Indagine sull’origine delle fiamme, domate grazie all'intervento di un elicottero dei Vigili del Fuoco. Possibile il dolo.

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.