Sabato 08 Agosto 2020

Economia

Speciale "Sangritana Cargo Open day"

28/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

Si è concluso il 24 luglio con la presentazione dei due nuovi locomotori, in contrada Saletti di Paglieta, il “Sangritana Cargo Open day, organizzato da Sangritana Spa.

Successo per un evento con il quale la società di trasporti partecipata al 100% dalla Tua, Società unica di Trasporto Abruzzese, ha voluto aprire le porte alle imprese ferroviarie che operano nel settore ed a tutti gli operatori della logistica per un importante momento di confronto sulle tematiche più stringenti legate alla ripresa post Covid 19, che ha colpito l’economia italiana e nel quale il trasporto merci ha dimostrato un ruolo strategico consentendo al Paese di non fermarsi. Ieri nella splendida location di Villa Mayer a Fossacesia il work shop che ha dato voce ai players e partners internazionali del settore che operano sui mercati europei, ma non solo. Illustri i relatori ricevuti dai due padroni di casa Pasquale Di Nardo, Amministratore Unico di Sangritana S.p.A. e Gianfranco Giuliante, Presidente di TUA: Barbara Morgante, direttore generale della regione Abruzzo, Luigi Legnani, Presidente di FerCargo, Claudio Tarlazzi, Segretario Generale UIL Trasporti, Maurizio Gentile, AD di RFI, Massimo Nitti, Presidente Sezione Ferroviaria ASSTRA, Fabio Croccolo, Direttore ANSFISA ed Enrico Pujia, Direttore Generale del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Un tavolo tecnico nel corso del quale si è parlato di quelle che sono le azioni che regione Abruzzo ed Rfi stanno programmando per le Ferrovie abruzzesi ma anche per analizzare le novità legislative in materia di Cargo ferroviario introdotte dal Decreto Rilancio. Oggi, seconda giornata dell’evento di Sangritana con la presentazione dei due nuovi locomotori EffiShunter 1000 CZ Loko per i quali l’azienda ha fatto un investimento di 4 milioni 400 mila euro e che serviranno a potenziare il trasporto merci sulle tratte meridionali Foggia-Melfi. Una giornata importante che ha visto la partecipazione del presidente della Regione Marco Marsilio, del direttore generale della regione Abruzzo Barbara Morgante, dell’assessore regionale Nicola Campitelli e di altri esponenti politici del territorio. A benedire i due nuovi locomotori Mons. Emidio Cipollone, arcivescovo di Lanciano Ortona. Nel 2019, ha spiegato Di Nardo, Sangritana ha movimentato 34000 Carri e 2352 coppie di treni: il bilancio 2020, nonostante il Covid, è positivo, nel 2021 si pensa di aumentarlo. E in tempi di cassa integrazione, ha ricordato il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, Sangritana soprattutto assume, a testimonianza della crescita della partecipata regionale che ha il focus di prestigio nel movimentare merci su ferrovia. Saranno 44 i neo assunti tra macchinisti e tecnici, a breve i bandi. I locomotori presentati oggi sono il culmine di una ristrutturazione della società, ha spiegato l'azionista di maggioranza Gianfranco Giuliante, presidente di Tua.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'indagine dell' Ente bilaterale terziario e turismo, presieduto da Marisa Tiberio, rileva che durante il lockdown, 36.645 imprese abruzzesi del terziario, su un totale di 68 mila ditte censite, hanno dovuto sospendere l’attività comportando la paralisi del tessuto produttivo in Abruzzo.

Una spesa procapite pari a 58 euro mentre ogni famiglia stanzierà, in media, 135 euro per gli acquisti di merce scontata.

La presentazione del Bilancio 2019 è avvenuta in occasione della convention annuale aziendale che si è svolta a Roseto degli Abruzzi e che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, del sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale, Umberto D’Annuntiis e l’assessore regionale al Lavoro, Piero Fioretti.

Il primo Bilancio della gestione di TUA a guida Gianfranco Giuliante nel Consiglio di Amministrazione si chiude positivamente. Bilancio col segno più che ha fatto registrare un utile di circa 90 mila euro ed un valore della produzione di oltre 124 milioni di euro, nonostante un’ulteriore significativa riduzione della contribuzione pubblica di 2,7 milioni di euro rispetto all’anno precedente. Dal 2015 è stata registrata una riduzione della contribuzione di circa 14 milioni di euro l’anno.