Venerdì 19 Luglio 2024

Cultura

Gli alunni della Scuola Secondaria di Frisa I.C. Don Milani protagonisti del Saggio Musicale di Fine Anno

01/06/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Gli alunni della Scuola Secondaria di Frisa I.C. Don Milani protagonisti del Saggio Musicale di Fine Anno

L'esibizione è coordinata e diretta dall’apprezzato musicista frentano M° Matteo Cicchitti docente di ruolo della scuola.

Grazie al patrocinio del Comune di Frisa (CH), gli alunni della scuola secondaria di primo grado di Frisa - Istituto Comprensivo “Don Milani” di Lanciano saranno protagonisti del Saggio Musicale di fine Anno Scolastico 2023/2024.

Questa piccola ma significativa esibizione sarà coordinata e diretta dal rinomato musicista frentano, il Maestro Matteo Cicchitti, docente di ruolo della scuola. Il Maestro Cicchitti, fondatore e direttore di Musica Elegentia, è noto per il suo rigore nella pratica esecutiva storica della musica delle varie epoche, dal Rinascimento al Barocco e al Classico.

L’evento didattico musicale si svolgerà lunedì 3 giugno 2024 ore 11 presso il Padiglione della Transumanza, Badia di Frisa (Ch). Gli alunni di tutte le classi del musicista Cicchitti si esibiranno in un breve exursus di brani musicali colti (strumentali e corali), eseguiti in sequenza senza interruzioni in versione più breve rispetto all'originale. Un vero e proprio Medley ricco di arte, emozioni e piaceri consentiti dell’anima.

“Con questo Saggio Musicale di fine anno scolastico – spiega il Maestro Matteo Cicchitti – voglio ringraziare il Dirigente Scolastico dell’I.C. di Lanciano la Dott.ssa Barbara Gaspari, il Sindaco di Frisa Dott. Nicola Labbrozzi e ovviamente i gentili colleghi e collaboratori che hanno aderito e creduto al mio proposito di unione musicale. La musica (per gli antichi egizi chiamata hy, gioia) è un linguaggio senza tempo e senza confini, è un tramite per poter esprimere sé stessi, i propri sentimenti, a chi ci circonda; essa è libertà di parola e di movimento, compagna inseparabile con cui condividere i momenti importanti della propria esistenza.” “Infine – conclude il maestro Cicchitti – in questo modo i giovani discenti imparano valori di notevole rilevanza quali la solidarietà e il rispetto reciproco, poiché la musica attua fratellanza e la fratellanza realizza la musica.”

L'evento si inserisce nel contesto della Festa della Musica, istituita nel 1982 dal Ministero della Cultura francese come simbolo di una nuova politica musicale nel paese. Oggi, la festa è celebrata in oltre 120 nazioni in tutto il mondo. Dall'edizione 2016, il MIC (Ministero della Cultura) italiano ha dato un forte impulso alla promozione di questa festa affascinante, coinvolgendo organicamente tutta l’Italia e trasmettendo un messaggio di cultura, partecipazione, unione, armonia e universalità che solo la musica può dare.

Giunta alla sua 30ª edizione nel 2024, con il tema "LA PRIMA ORCHESTRA SIAMO NOI", la Festa della Musica punta all’educazione musicale, favorendo attività di ascolto, comprensione, apprendimento cooperativo e integrazione. Infatti, il termine "concerto" ha nella storia il significato etimologico di "gruppo", sottolineando l'importanza della collaborazione e dell'unione attraverso la musica.

Qui il sito ufficiale: https://www.festadellamusicaitalia.it/fdm/regioni/abruzzo/frisa/0.08415700-1716530643/

MATTEO CICCHITTI, studioso della pratica esecutiva storica per il repertorio del XVI, XVII e XVIII secolo, affianca alla attività di strumentista quella di concertatore e direttore musicale. Diplomato in contrabbasso con Giancarlo De Frenza al Conservatorio D’Annunzio di Pescara e in possesso del Diploma accademico II livello nella disciplina contrabbasso con il massimo dei voti presso il Conservatorio Vittadini di Pavia sotto la guida di Walter Casali. Successivamente studia contrabbasso barocco con Lutz Schumacher all’Accademia Europea di Musica d’Erba (Co). Consegue con 110 e lode il Diploma accademico II livello in Musica da Camera Indirizzo Strumenti ad Arco studiando con Marco Decimo al Conservatorio Nicolini di Piacenza. Nel corso della sua carriera è determinante l’incontro con il violonista e violista da gamba Patxi Montero, con il quale si specializza in violone e prassi esecutiva barocca all’ISSM Peri di Reggio Emilia. Studia gli aspetti teorici e pratici sui contrabbassi storici da Roberto Sensi all’Accademia Salieri di Vienna. Si perfeziona, tra gli altri, con Patxi Montero e Rodney Prada per la viola da gamba; Wolfgang Güttler per il contrabbasso solista; con Ugo Nastrucci per il basso continuo e l’improvvisazione; Nicola Conci ed Eleonora Dalbosco per la didattica musicale infantile; Sauro Rodolfi, Mauro Marchetti e Pasquale Veleno per la direzione di coro; Simone Genuini e Francisco Navarro Lara per la direzione d’orchestra; Marco Di Bari per la composizione; Marco Rogliano, Silvia Colli e Stefano Montanari per la musica d’insieme e la musica antica. Svolge intensa attività concertistica collaborando con varie orchestre ed ensemble: Alessandro Stradella Consort, Europa Galante, Accademia d’Arcadia, Musica Antiqua Latina, Quartetto Vanvitelli, ArParla Plus, Cappella Musicale Corradiana, I Solisti Ambrosiani, L’Archicembalo, Musica Elegentia di cui egli stesso è fondatore e direttore. È invitato in importanti rassegne concertistiche barocche internazionali, dall’Italia alla Francia, dall’Austria alla Polonia, dalla Spagna al Messico, collaborando con nomi importanti da Montanari a Biondi, da Velardi a Rossi Lürig, Dantcheva, Frigato, Invernizzi, Kunde e tanti altri, esibendosi in teatri e sale internazionali di grande prestigio, fra cui: Palau de la Musica di Valencia, Philharmonic Concert Hall di Varsavia, Auditorium Baluarte di Pamplona, Casa Museo López Portillo di Guadalajara, Abbaye Saint-Pierre di Vertheuil, Basilica Palladiana di Vicenza, Aula Magna Collegio Ghislieri di Pavia, Pinacoteca Nazionale di Ferrara, Aula Paolo VI di Città del Vaticano, Reggia di Caserta, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro della Pergola di Firenze e altri. Ha inciso per numerose case - Sony Deutsche Harmonia Mundi, Brilliant Classics, Dynamic Records, Neuma Edizioni, Urania Records, Casa Editrice Tinari, Edizioni Momenti, Arcana Records, ME Operae, Tactus Records e Challenge Classics - ed è stato ospite in numerose dirette, radiofoniche e televisive: Radio Classica, Rai Radio 3, Radio Svizzera Italiana, Radio Vaticana, Radio Mozart Italia, Ckrl 89,1 Continuo Québec, Rai1, Rai3 e Sky Classica. Insegnante di ruolo di Musica [A030] presso la Scuola Statale Secondaria di I grado I.C. "Don Milani" di Lanciano (Ch), in più è attivo come docente in Italia e all’estero, con corsi, master e seminari sia di strumento che di musica d’insieme secondo pratica storicamente informata. Ha tenuto conferenze, masterclass e seminari presso l'Università degli Studi G. D'Annunzio di Chieti, il Conservatorio di Musica G. Briccialdi di Terni, il Conservatorio di Musica G. Nicolini di Piacenza, il Conservatorio di Musica A. Vivaldi di Alessandria, il Conservatorio di Musica A. Casella dell'Aquila, la Casa Circondariale di Lanciano (Ch), la Fondazione Lanari nella Regione Marche, il Museo delle Corde Armoniche di Salle (Pe) e la Regione Abruzzo con l'Agenzia per la promozione culturale di Lanciano. Ha svolto una masterclass de mùsica barroca in Messico nel contesto del III Festival de Música de Cámara de Jalisco (Guadalajara, Jal. Mx). Attualmente è dottorando in Musicologia storico-sistematica presso il Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra di Milano ed è cultore della materia nel Corso di laurea in Lettere Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze sociali con l‘insegnamento di Storia della musica moderna e contemporanea SSD L-ART/07 presso l'Università degli Studi G. D'Annunzio di Chieti.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Frisa Scuola

Potrebbero interessarti

L'evento è organizzato dall’associazione “Officina Lanciano” in collaborazione con l'associazione “I cinque sensi”

Trenta i partecipanti , tra artisti affermati ed emergenti, che hanno completato i lavori in tempi record sfidando il caldo torrido

"Questa pietra non è solo un materiale, ma un simbolo della cultura e dell'identità dell’Abruzzo".