Venerdì 01 Dicembre 2023

Cronaca

Sospensioni notturne acqua, Sasi: “Le sorgenti sono in sofferenza e quella Del Verde è al minimo storico”

15/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Sospensioni notturne acqua, Sasi: “Le sorgenti sono in sofferenza e quella Del Verde è al minimo storico”

A soffrire per le frequenti interruzioni della risorsa idrica non sono solo i centri del vastese ma anche molti paesi del Sangro-Aventino, nonché alcune zone di Lanciano come Villa Elce, Re di Coppe, Villa Andreoli che quotidianamente restano per ore con i rubinetti a secco.

 “La portata della sorgente del Verde è al minimo storico, l'assenza di precipitazioni nevose dello scorso anno – spiega Fabrizio Talone, responsabile servizio captazione e adduzione – e pure le altre sorgenti, quella di Capo Vallone che si riferisce all'Alto Sangro, del gruppo del Sinello (alto Vastese) dell'Avello (zona di Guardiagrele) per le quali basterebbero piogge intense e continue sono in sofferenza. La preoccupazione è soprattutto per l'anno prossimo se la stagione invernale sarà come il 2019. Le sospensioni notturne sono perciò necessarie.

Tengo a precisare che le chiusure non sono generalizzate su tutti i serbatoi, ma va quantificata quella che si deve togliere per permettere a tutto il sistema di funzionare. Sono 4 le pompe accese a Fara San Martino per un totale di 250 litri al secondo – continua Talone-, attualmente mancano 100 litri per arrivare ai 1200 litri al secondo che è la portata che immettiamo normalmente. Dove possono essere recuperati? Sottraendoli ai serbatoi più grandi dove la quantità di acqua che andiamo a togliere non crea problemi ed è utile a ripristinare la funzionalità dell'intero sistema. Ci sono poi situazioni che si creano per l'eccessivo consumo della zona oppure per un sottodimensionamento delle strutture idriche, ovvero tubi piccoli, condotte vecchie. A Villa Elce, per esempio sono state necessarie le chiusure anche quando c'era l'acqua.. La situazione comunque è fortemente preoccupante per il 2021, auguriamoci che la stagione invernale sia tale da garantire il recupero della sorgente del Verde, condizione fondamentale per restituire la continuità del servizio. Non bastano le 164 sorgenti superficiali se non sono piene quelle grandi. Intanto cerchiamo tutti di fare un uso attento della risorsa idrica”.

“Abbiamo pianificato una serie di interventi che ho più volte illustrato e che sono diretti proprio a contenere situazioni di difficoltà, stiamo lavorando sapendo bene i disagi che molti utenti sono costretti a patire, ho ascoltato e compreso le lamentale e anche le proteste di sindaci e cittadini e come azienda ci stiamo impegnando – puntualizza il Presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe - a individuare le soluzioni più adeguate ma contro il clima non possiamo fare niente, non possiamo fare miracoli. Non intendo scaricare le responsabilità sulle stagioni, che non sono più quelle di una volta, ma sta di fatto che senza la neve la sorgente del Verde che copre l'82 per cento della risorsa, si prosciuga e non c'è altro modo per alimentarla. Il potabilizzatore potrebbe essere una risposta concreta a situazioni di emergenza come quella che purtroppo molti stanno già vivendo. Intanto continuiamo con la progettazione prevista, non stiamo trascurando nessun elemento utile a ridurre le attuali difficoltà e mi preme ricordare che l'acqua non è un bene illimitato, il suo uso deve essere attento e consapevole. E' un bene prezioso, cerchiamo di non sprecarlo.”Conclude il Presidente della Sasi.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il Comandante della compagnia Siravo ha sottolineato l'impegno delle Fiamme Gialle nel contrastare chi viola le regole sulla libera concorrenza, danneggiando gli operatori onesti.

Nei pressi dell'abitazione di uno dei tre recuperato il mezzo rubato grazie alle Indagini e alle Immagini di Videosorveglianza

Nelle prime ore dell'alba, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesilvano hanno eseguito otto misure cautelari, di cui tre in carcere, quattro con obbligo di dimora nei comuni di residenza ed una con obbligo di presenzazione alla polizia giudiziaria.

Denunciato un cinquantenne di Sant’Angelo del Pesco (IS), che non è stato in grado di dimostrare la lecita provenienza del carburante commercializzato.